Attenzione: arriva il primo drammatico cambiamento per il digitale terrestre

Il digitale terrestre si avvia alla rivoluzione con il nuovo sistema Dvb-t2, ma attenzione: a partire da fine luglio cambia già tutto.

Digitale terrestre, a luglio cambia tutto (foto Adobestock)
Digitale terrestre, a luglio cambia tutto (foto Adobestock)

Stiamo notando le pubblicità in televisione e ne stiamo leggendo da mesi: il digitale terrestre sta per conoscere una vera rivoluzione. Entro giugno 2022 infatti il sistema migrerà verso nuovi canali di trasmissione.

Tutto nasce a livello europeo, per lasciare spazio al 5G. La nuova rete di comunicazione infatti viaggia sulla banda dell’attuale sistema di trasmissione televisivo e per questo è stata imposta una migrazione verso il sistema DVB-T2. Questo, da un lato, ci tranquillizza sulla pericolosità tante volte sbandierata delle nuove celle per i cellulari. In realtà trasmettono su frequenze che già utilizziamo da anni, e questa banda radio non ha mai dato preoccupazione per la salute.

Smontato un falso mito c’è però la preoccupazione di milioni di utenti per quello che dovranno ancora una volta affrontare da qui al prossimo anno, visto che c’è il timore di dover cambiare ancora una volta i televisori o di sostituire i decoder. Chiariamo un aspetto: i televisori venduti dal 2018 in poi devono essere compatibili per legge, quindi chi ha effettuato acquisti negli ultimi 3 anni può stare pienamente tranquillo.

Il discorso cambia per la fascia immediatamente precedente, quella tra il 2015 e il 2017. In questo caso potrebbe esserci il rischio, nel momento dello switch-off nella propria regione, di vedere oscurate le trasmissioni.

Nuovi digitale terrestre, arriva il cambiamento di luglio

Digitale terrestre, a luglio cambia tutto (foto Adobestock)
Digitale terrestre, a luglio cambia tutto (foto Adobestock)

L’Autorità garante ha delineato un graduale passaggio e questo da una parte deve tranquillizzare: c’è tempo per correre ai ripari. A partire da settembre 2021 inizierà la migrazione dalla codifica MPEG2 verso la MPEG, mentre entro il 30 giugno sarà completata la migrazione verso il DVB-T2.

Già un questo mese però ci saranno dei cambiamenti per diversi canali, che si sposteranno di MUX. Ma vediamo nello specifico.

LEGGI ANCHE: Dopo il Coronavirus l’export italiano riparte in positivo

Nei MUX di Mediaset arriveranno i canali di Sky Calcio Sport HD sul 473, mentre il MUX 2 di Rete 4 riceve il canale LCN 235. Per il Trentino Alto-Adige sarà spendo Videobolzano 33, che si sposta sul canale 10 di Ras MUX 3 con il nome di VB33 e lo stesso accadrà per il MUX 7 Gold Marche.

LEGGI ANCHE:Il Coronavirus fa tremare ancora l’economia

Cambiamenti anche per la trasmissione satellitare e quindi Tivùsat che riceve due nuovi canali. Si tratta della Nuova TV Nazionale al canale 813 e il canale Sharing TV sull’820: per accedere a queste novità sarà necessario risintonizzare gli apparecchi.