Pratica di successione: la procedura e i documenti da presentare

La successione ereditaria che si apre quando una persona muore e determina il trasferimento delle posizioni legali, passive o attive del successore defunto.

successione

La successione ereditaria può essere di due tipologie. Da una parte particolare, con la quale il successore, detto legatario, subentra in uno o più rendiconti patrimoniali del defunto, dall’altra universale, con cui l’erede assume tutti i diritti e gli obblighi del defunto. Dunque chi deve rilevare tutti i rapporti patrimoniali trasferibili acquisisce anche gli eventuali debiti. Quindi soltanto accettando volontariamente l’eredità, assume la posizione di erede. Di contro, il legatario riceve generalmente solo dei vantaggi nella destinazione dei beni.
Il legatario infatti non è tenuto a pagare i debiti, che possono essere assolti solo dagli eredi. Nel caso di un testamento però si può indicare il legatario come colui che dovrà assumersi l’onere di uno specifico servizio.

Leggi anche: Bonus tv, ora c’è più tempo: fino a quando puoi cambiare il vecchio televisore

Ci sono tre tipi di eredità:

  • testamentaria: il defunto ha previsto nell’atto del testamento il trasferimento dei beni propri degli eredi, ed eventualmente anche dei legatari.
  • legittima: si verifica in assenza di testamento. Dunque è la legge a identificare gli eredi nella persona dei parenti defunti e trasferire loro i beni della successione.
  • necessaria: questa eredità di verifica quando il testatore ha ceduto la sua proprietà, ma senza rispettare i diritti legalmente garantiti ai parenti più prossimi, che conservano una quota dell’eredità.

Leggi anche: Non solo sterlina, ora il Regno Unito guarda ad una criptovaluta tutta sua

Documenti da presentare

  • Dichiarazione di Successione
  • Modello F24 per il pagare imposte e tributi
  • Deposito delle pratiche all’agenzia del territorio per il passaggio degli immobili
  • Rilascio del Certificato di Avvenuto Deposito, da portare in banca per lo sblocco del conto corrente

Il passaggio di eredità viene definito successione e si realizza con certi passaggi. L’apertura della successione individua l’ambito, la tempistica del meccanismo ereditario e il rapporto con cui i beni di sono offerti e messi a disposizione dei soggetti interessati. Per avviare un procedimento di successione rapida bisogna innanzitutto recarsi nella banca in cui è depositato il conto del defunto e richiedere il servizio Quick Succession. In questi casi è consigliato essere supportati da un consulente apposito, sarà più facile gestire tutte le pratiche. Dopo di che si procede con la preparazione e l’invio della dichiarazione di eredità. Dovrà essere preparata tutta la documentazione da inviare all’Agenzia delle Entrate, con la dichiarazione di successione e il modulo F24 per il pagamento delle tasse. Una volta ricevuto il Certificato di Deposito va consegnato alla banca, per procedere con lo sblocco di conti correnti e dei titoli. Con questo la pratica si considera completata.