Vaccini, confermato l’aumento dei sieri: ecco quanto costa una dose

Confermato l’aumento del prezzo delle dosi di vaccini Pfizer, che aumenta del 25%; e Moderna, che aumenta del 13%. 

La conferma sull’indiscrezione lanciata dal New Tork Times è arrivata dalla Francia. I contratti che Commissione europea sta negoziando per la fornitura dei sieri, prevedono un aumento dei prezzi. Nello specifico, Pfizer aumenta del 25% mentre Moderna del 13%. Di conseguenza, l’acquisto di una dose del vaccino Pfizer passa da a 15,50 a 19,50 euro; una di Moderna passa da 19,50 a 21 euro. Clément Beaune, segretario di Stato francese per gli Affari Europei, lunedì 2 agosto ha confermato l’indiscrezione sull’aumento dei prezzi. “Le dosi di vaccino che l’Unione europea sta negoziando con Pfizer e altre case farmaceutiche non sono le stesse della prima generazione, sono più adatti alle nuove varianti”, ha riferito il ministro francese.

Leggi anche: Pil italiano, le stime inaspettate di Bankitalia per il 2021

Di conseguenza, ci sono voluti contratti più impegnativi per avere tempi di consegna più precisi e sanzioni pecuniarie, nel caso in cui queste non vengano rispettate. Secondo le stime saranno acquistate circa 2 miliardi di dosi dall’Unione europea che, stando ai programmi, saranno consegnate entro il 2023. Tutto questo nasce dalla necessità di creare stoccaggio per il prossimo futuro, senza più avere forti ritardi sulle consegne che hanno rallentato la campagna vaccinale nei primi 4 mesi dell’anno. Pfizer e Moderna hanno dunque annunciato un rincaro: i vaccini consegnati saranno più cari rispetto a prima, ma questo non cambierà il quantitativo di fornitura, anche per motivi sanitari.

Leggi anche: Tampone molecolare: come funziona e dove farlo

La Commissione europea, che si occupa dell’acquisto di dosi di vaccino per i 27 Stati membri, ha annunciato l’8 maggio la firma di un terzo contratto con Pfizer per l’acquisto di 1,8 miliardi di dosi, comprese le consegne previste dalla fine del 2021 e per tutto il 2022. Tuttavia, successivamente, l’UE si è mossa per l’acquisto di ulteriori 150 milioni di dosi per il 2022, nell’ambito dell’accordo raggiunto con Moderna a febbraio.