Turismo, continua la paura della variante Delta: aumento delle disdette

L’estate 2021 nella testa di molti doveva essere un periodo di svago, ma la variante Delta e l’aumento dei contagi fa ancora paura e la gente disdice le vacanze.

Vacanze covid disdetta prenotazioni

Giugno era già stato un flop per il turismo italiano. Nonostante all’aumento dei turisti stranieri rispetto all’anno scorso, il settori turistico subisce la paura degli italiani per la variante Delta, che in massa decidono di rimanere a casa. Secondo una ricerca dell’Osservatorio Confturismo-Confcommercio, solo 17 milioni di italiani, corrispondenti a circa il 28% del totale della popolazione, era intenzionato ad andare in vacanza, e di questi il 34% ha dichiarato di aver già disdetto la prenotazione. 5,8 milioni di italiani hanno quindi rinunciato alle vacanze e la colpa è della paura per la variante Delta. L’aumento dei contagi dovuto alla variante Delta del Covid-19 ha fatto alzare il livello d’allarme degli italiani.

Leggi anche: Incentivi auto 2021, come richiedere il bonus

Il restante 66% degli italiani che pensano alla vacanza hanno comunque detto che sarebbero pronti a disdire le loro prenotazioni in caso di emergenza, a riprova di quanto il rischio di contagio faccia ancora paura. Già l’anno scorso gli italiani in vacanza erano 8 milioni in meno rispetto al periodo pre-pandemia, e quest’anno se ne aggiungono altri 8 milioni. Come già detto, giugno è stato un flop per il turismo e luglio si è rivelato al di sotto delle aspettative. Si prospetta un agosto sulla stessa lunghezza d’onda, con vacanze più brevi e meno lontane da casa.

Leggi anche: Vodafone, stangata in vista per i clienti: chi sarà colpito dai rincari

Pochissimi sono gli italiani pronti ad andare in vacanza all’estero, e solo un misero 2% quelli che hanno scelto un paese extra-europeo per le vacanze di quest’anno. La maggior parte starà in Italia, spesso non uscendo neanche dalla propria regione. Insieme al numero di italiani in vacanza si riduce anche il tempo di permanenza degli stessi, che prenderanno vacanze molto più brevi, di 2 o 3 giorni, mentre si riducono drasticamente le vacanza di 1 settimana o più. Le mete preferite sono quelle in cui si può stare all’aperto.