Pagare le tasse un po’ per volta, i metodi consentiti per gestire i tuoi debiti con il Fisco

L’Agenzia delle Entrate permette di pagare le tasse attraverso comode rate mensili, sia per somme dovute a saldi o acconti che per cartelle di pagamento.

tasse rateizzate

La rateazione concessa dall’Agenzia delle Entrate non riguarda tutti gli importi, ad esempio si può decidere di rateizzare il primo acconto dell’IRPEF ma decidere di saldare in un unica volta il resto della somma. Oggi le varie misure rispetto ai tempi di pagamento e di dilazione sono state regolate, ma il sistema resta comunque molto complesso e confuso, in quanto tiene in conto di diverse regole.

Leggi anche: Pensioni e contributi, cosa succede dopo il 31 dicembre: chi potrà lasciare il lavoro

Ad esempio, se si richiedere il pagamento a rate mensili di una cartella esattoriale, si potranno prolungare i versamenti fino 10 anni. Questo si può fare solo se si dimostra di trovarsi in una condizione di grave difficoltà economica. Ciò deve essere dichiarato ovviamente tramite la certificazione dell’Isee. Tale condizione deve risultare abbinata a una rata che eccede almeno il 20% del reddito del nucleo familiare. Nel caso in cui non ci si trovi in una condizione di questo tipo, il numero massimo delle rate può essere 72, pagabili quindi in 6 anni. Sugli importi rateizzati occorrerà pagare però degli interessi, pari al 4% all’anno, ovvero 0,33% al mese. Non risultano invece rateizzabili le somme da versare a novembre in qualità di acconto IRPEF, IRES e IRAP, così come i pagamenti dovuti per l’acconto IVA di dicembre.

Leggi anche: Rimborsi e quattordicesima, la pensione INPS diventa più pesante

E se è il fisco a doverti ripagare?

Può poi succedere, in alcuni casi, che a ritrovarsi nei panni del debitore sia invece proprio Fisco in persona. Anche in questo caso ci sono delle regole particolari. Prima di tutto il tasso d’interesse richiesto Erario sarà pari alla metà rispetto a quello che dovranno pagare invece contribuenti, che come anticipato è di 4% annui. Inoltre, ovviamente, non ci saranno sanzioni o penali per l’Agenzia delle Entrate. A tal proposito, nel 2015 c’è stato un decreto legislativo, che aveva promesso di unificare le due misure, ma il momento non è mai stato applicato.