Cosa possiamo costruire nel nostro terrazzo senza chiedere permessi o autorizzazioni a nessuno

Contro vicini curiosi e pettegoli, stalker e ladri, ecco cosa è possibile costruire per difendere la propria privacy sul balcone o sul terrazzo di casa.

costruzioni su terrazzi e balconi

Quando si decide di costruire qualcosa sul terrazzo di casa, la paura di imboccare per errore la strada dell’abuso edilizio o di costruire qualcosa per cui serva un’autorizzazione è dietro l’angolo. Tuttavia secondo la legge, anche in un ambiente normato internamente come un condominio, è possibile costruire diverse protezioni da sguardi indiscreti senza bisogno di autorizzazioni. La difesa della privacy nella propria casa è un argomento centrale nel 2021 e per questo la legge mette a disposizione molte possibilità. Per alcune delle opere che andremo ad elencare non è necessario alcun permesso, mentre per altre si dovrà ricevere un’autorizzazione del Comune.

Leggi anche: Portafoglio trovato, il proprietario è obbligato a riconoscerti una somma

costruzioni su terrazzi e balconi

Le opere che si possono costruire autonomamente su un terrazzo o un balcone di un condominio senza permessi sono:

  • Tende da sole che scendono all’altezza del parapetto per difendersi dagli sguardi curiosi;
  • Ombrelloni di grandi dimensioni;
  • Pergotende, ovvero le tende da sole retrattili e sorrette da una struttura che può anche essere fissata ai muri perimetrali dell’edificio e al pavimento del terrazzo o comunque sulla superficie su cui si erge e per cui non servono permessi edilizi;
  • Canneti, utili per proteggere la propria privacy e per dare un tocco più “selvaggio” e naturale al nostro terrazzo;
  • Frangivista, che sono dei pannelli divisori e reti protettive che proteggono il balcone dai curiosi e sguardi indiscreti e ben si adattano a tutti i balconi, sia grandi che più piccoli, anche perché realizzati con diversi materiali e colori in modo da risultare non solo costruzioni per chiudere il balcone, ma anche belle come arredamento da esterno.
  • Piante come arelle e cannici, ottime per coprire le ringhiere. Talvolta bastano per coprire interamente la vista del balcone e garantire la privacy;
  • Piante a fusto alto o siepi;
  • Grigliato generalmente in legno con piante rampicanti.

Leggi anche: Filiali condivise, l’idea delle banche per non chiudere

Ci sono invece altre costruzioni per il terrazzo o il balcone che necessitano di una autorizzazione del comune perché più ingombranti o che cozzerebbero con il decoro urbano. Ecco quali sono:

  • Tettoie, per cui è sempre necessario il permesso del Comune in cui si trova la casa;
  • Verande, per cui non solo è necessario il permetto del Comune, ma bisogna stare attenti a non alterare le linee dell’edificio condominiale e non violare il decoro architettonico dell’edificio stesso.