Palazzo di 15 piani in fiamme a Milano, quanto costavano gli appartamenti andati distrutti

Difficile dimenticare l’immagine di Torre del Moro in fiamme. Nonostante non ci siano state vittime, i danni economici sono ingenti, specie se si pensa che gli appartamenti all’interno erano di gran lusso.

incendio torre del moro

Il 29 agosto 2021 a Miliano si alza una torre di fuoco e fumo. Come una candela alta 20 piani, Torre del Moro prende fuoco portandosi con se le case di circa 70 famiglie. Fortunatamente non ci sono vittime per l’incendio, ma molte persone hanno perso casa e i danni economici sono altissimi. Il grattacielo infatti era pieno di ville urbane di grande lusso, una vera sfida imprenditoriale, vista la collocazione in una zona popolare del grattacielo che ha però premiato i costruttori. Torre del Moro era stato rapidamente abitato e le oltre 70 famiglie che avevano acquistato le ville urbane di lusso oggi sono senza casa.

Leggi anche: Monopattini senza obbligo di assicurazione, ma chi paga in caso di incidente?

incendio torre del moro

All’interno del palazzo il sistema anti-incendio ha funzionato a dovere, infatti i danni sono stati limitati, ma la struttura esterna, in particolare il rivestimento, era fatto con materiale combustibile, che ha subito preso fuoco all’innesco. Angelo Lucchini, docente di architettura tecnica al Politecnico di Milano, spiega che la scelta, da lui ritenuta inappropriata, non rispetterebbe i requisiti di sicurezza sugli incendi per gli edifici civili stabiliti dal Ministero dell’Interno. Ciò che si trovava all’interno del palazzo è quindi più o meno recuperabile, ma le alte temperature dell’incendio hanno minato pesantemente la stabilità dello scheletro di metallo della struttura.

Leggi anche: Roma, anziana preleva i risparmi e li chiude nell’armadio. Poche ore dopo i 100 mila euro svaniscono nel nulla

Per l’instabilità del grattacielo sono ormai inutilizzabili tutte le ville urbane dal costo di 5.200 euro/mq, dotate di molti elementi di lusso. Uno degli appartamenti al 16esimo piano venduto di recente era grande 150 mq, con tre camere e due bagni, parquet su tutta la superficie, infissi in legno con doppio vetro, tapparelle elettriche, porta blindata, termovalvole e contabilizzatori, videocitofoni e armadi su misura. Tutto al prezzo di 785.000 euro. Immaginate che sono andati in fumo circa 70 di questi appartamenti e potrete avere un’idea del danno economico che questo incendio ha portato a Milano, oltre ad aver lasciato chi abitava quei 70 appartamenti senza casa.