Ecco i 5 Bonus dove non è richiesto nessun documento sulle tue condizioni economiche

Ci sono 5 bonus che possono essere richiesti senza presentazione dell’Isee. Ecco quali sono e in cosa consistono. 

Non tutti i bonus hanno necessità della presentazione dell’Isee. L’Isee è l’indicatore della situazione Economica equivalente ed è il principale strumento per poter sfruttare alcuni bonus o benefici erogati dagli enti statali e locali. Si tratta di una carta di identità della situazione economica familiare, ovverosia di tutti i componenti dello stato di famiglia. Questa dichiarazione è composta da diverse voci e si basa su un calcolo matematico basato su variabili precise. Questo documento si basa sulla DSU, la dichiarazione sostitutiva unica ed è valido sempre fino al 31 dicembre di ogni anno. L’ISEE è utile ad esempio per ottenere sconti sulle bollette, per i trasporti pubblici, la mensa scolastica o l’università e per agevolazioni sui minori.

Leggi anche: Scuola, chi avrà la responsabilità di controllare il Green Pass dei nostri figli

Il calcolo può essere effettuato autonomamente sul sito dell’INPS oppure presentando tutta la documentazione necessaria, come le dichiarazioni ed altri documenti, nelle sedi CAF. Spesso, la presentazione dell’Isee è necessaria per richiedere bonus ed incentivi. Ci sono dei bonus, però, per cui non serve. Ecco quali.

Leggi anche: Stanziati altri 140 milioni di euro per i contributi a fondo perduto, cosa devi sapere

I bonus senza Isee 

  • Bonus rottamazione tv: il bonus mira a supportare l’acquisto di nuovi televisori a fronte dello smaltimento di modelli non idonei al nuovo standard della televisione digitale terrestre. L’incentivo si può richiedere fino al 31 dicembre 2021 ed è rivolto a tutti i cittadini residenti in Italia senza limiti di ISEE, a differenza del bonus TV, che si rivolge invece ai cittadini appartenenti ad un nucleo familiare con un ISEE non superiore ai 20mila euro. I due bonus sono tra loro compatibili. L’incentivo è pari al 20% sul prezzo di acquisto e per un massimo di 100 euro, solo se contemporaneamente viene smaltito il vecchio televisore.
  • Bonus affitto: è l’agevolazione fiscale per chi ha case in locazione. Si tratta di un contributo a fondo perduto riservato ai proprietari di casa che riducono la quota di affitto versata dall’inquilino che la detiene come abitazione principale. L’incentivo ha una cifra pari al 50% dell’ammontare complessivo, per un massimo di 1.200 euro per ciascun locatore. È possibile presentare più domande per lo stesso immobile se all’interno ci sono più locatori. Il bonus affitto 2021 verrà erogato a partire dal 31 dicembre 2021 mentre le domande scadono il 6 settembre.

  • Bonus figli: l’Assegno Temporaneo per i figli, previsto dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, è una misura destinata alle famiglie in possesso dei requisiti previsti dalla legge per ogni figlio minore di 18 anni. L’assegno viene erogato in funzione del numero dei figli e in misura decrescente all’aumentare del livello di ISEE, fino ad azzerarsi a 50mila euro di ISEE. L’assegno è compatibile con le misure assistenziali a sostegno della famiglia e col Reddito di Cittadinanza.

  • Bonus terme: consiste in un voucher che consentirà di ottenere uno sconto sull’entrata in un centro termale italiano del 100% fino a un massimo di 200 euro a persona. Il voucher sarà disponibile dal 1 ottobre sull’apposita piattaforma prevista di Invitalia. Ogni voucher sarà valido per 60 giorni dalla sua emissione e ve ne saranno disponibili fino ad esaurimento fondi. I fondi stanziati per la misura ammontano a 53 milioni di euro.
  • Bonus cultura: il Bonus Cultura consente di ottenere 500 euro per acquistare libri, dischi, corsi online e altre attività culturali. I fondi potranno essere spesi per acquistare libri, abbonamenti musicali o biglietti per i concerti, recarsi al cinema o a teatro, visitare musei, siti archeologici, aggiornarsi con dei corsi oppure effettuare abbonamenti a giornali. La somma dovrà essere spesa entro il 28 febbraio 2022. Sarà possibile controllare in ogni momento il plafond disponibile scaricando sul cellulare l’omonima app.