Nuovo bonus per le auto elettriche, e gli acquisti raddoppiano

Stanziati nuovi fondi per l’extrabonus auto elettriche, incentivo per spingere all’acquisto di veicoli elettrici.

Sono 57 i milioni di euro stanziati per l’ecobonus auto elettriche, l’incentivo volto a spingere all’acquisto di auto elettriche. L’ecobonus, approvato dal Consiglio dei ministri, si riempie di un nuovo fondo che si aggiunge a quello già esistente. Proprio per questo, si chiama Extrabonus e ha come obiettivo, si legge nel testo del decreto, “garantire e ottimizzare l’utilizzo dei fondi destinati all’acquisto di veicoli meno inquinanti M1, compresi nella fascia di emissione 0-60 grammi di CO2″. La procedura per la prenotazione dell’Ecobonus scade entro il 31 dicembre 2021, se l’inserimento è avvenuto tra il 1 gennaio 2021 e il 30 giugno 2021; il 30 giugno 2022, se l’inserimento avviene tra il 1 luglio 2021 e il 31 dicembre 2021. Il bonus vale per le auto elettriche, per i veicoli per il trasporto merci, per i piccoli veicoli a motore.

Leggi anche: Smettere di lavorare, le scelte da fare per riuscirci davvero

In precedenza, la misura era stata finanziata con 350 milioni di euro, così come previsto dalla legge di conversione del decreto Sostegni bis. Le nuove risorse stanziate consentono di accedere all’ecobonus auto con o senza rottamazione per i veicoli a basse emissioni, per un importo pari ad un massimo di 2.000 euro. Il bonus è destinato all’acquisto di veicoli green a ridotte emissioni; auto elettriche o ibride; auto ad alimentazione tradizionale beneficiano dello sconto.

Leggi anche: Canzoni, provocazioni e investimenti: quanto guadagna in realtà Achille Lauro

Anche per questa nuova tornata, così come per la precedente, è il rivenditore che dal 2 agosto 2021 potrà prenotare il contributo, sulla base delle richieste del cliente. Entro i 180 giorni successivi l’operazione dovrà essere confermata, una volta completata la vendita. L’ecobonus auto è pertanto anticipato dal rivenditore come sconto sul prezzo di acquisto del veicolo, che recupererà poi l’importo da parte dell’impresa costruttrice che, a sua volta, otterrà il rimborso dallo Stato.

I parametri

Con l’azzeramento dell’Extrabonus per i veicoli M1 nella fascia di emissione 0-60 g/km CO2, si potrà ottenere un incentivo ridotto nella seguente misura:

  • 21-60 g/km CO2 senza rottamazione: 1.500 euro;
  • 21-60 g/km CO2 con rottamazione: 2.500 euro;
  • 0-20 g/km CO2 senza rottamazione: 4.000 euro;
  • 0-20 g/km CO2 con rottamazione: 6.000 euro

Nulla cambia per i contributi sull’acquisto di auto nuove con emissioni 61-135 g/km con rottamazione: 1.500 euro statali + 2.000 euro del concessionario.