Cambio gomme inverno 2020-21 cosa ci aspetta se veniamo fermati senza averlo effettuato

La legge prevede l’obbligo di gomme invernali dal 15 Novembre 2021 e fino al 15 Aprile 2022, con un mese di deroga.

Cambio gomme invernale (foto Adobestock)
Cambio gomme invernale (foto Adobestock)

Bisogna fare attenzione per una duplice motivazione: si rischiano multe davvero salate e inoltre durante la stagione più fredda gli pneumatici estivi perdono capacità di aderenza, mettendo in potenziale pericolo il viaggio. 

Ogni anno la normativa che regolamenta la sicurezza stradale prevede l’utilizzo delle gomme invernali nel periodo che decorre dal 15 novembre al 15 aprile dell’anno successivo. Il cambio con le gomme estive, invece, va effettuato dal 15 aprile e può essere fatto entro e non oltre il 15 maggio di ogni anno. Si tratta di un obbligo previsto per legge che prevede l’installazione di pneumatici adeguati alla stagione estiva anche se, ci sono delle eccezioni nell’obbligarietà sul cambio gomme.

Stando al dettato della normativa, disciplinata dal nostro Codice della Strada, l’automobilista che circola su strade in cui vige l’obbligo delle gomme invernali, sprovvisto di questa tipologia di pneumatici o di catene a bordo, rischia una sanzione da 41 a 168 euro se viene fermato mentre circola nei centri abitati e da 84 a 355 euro se l’accertamento avviene al di fuori. L’agente accertatore può inoltre disporre il fermo del veicolo finché questo non viene messo in regola.

Cambio gomme invernale, esenzioni ed eccezioni

Cambio gomme invernale (foto Adobestock)
Cambio gomme invernale (foto Adobestock)

LEGGI ANCHE: Pranzo e cena a meno di 5 euro al giorno: come risparmiare in modo sano sull’alimentazione

Ci sono due eccezioni importanti. Primo, l’obbligo non vale per chi monta un set di gomme 4 stagioni. Secondo, se le vostre gomme hanno un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolazione, allora potete utilizzarle tutto l’anno. Riconoscere l’indice di velocità è facile: è un codice alfabetico presente sul fianco di uno dei vostri pneumatici. Esso corrisponde alla velocità massima alla quale un pneumatico può viaggiare: per esempio, il codice Q corrisponde ad una velocità massima di 160 km/h, mentre il codice T di 190 km/h.

L’obbligo sul cambio gomme estive deve essere rispettato, altrimenti si incorre in sanzioni amministrative che partono da un minimo di 422 euro e arrivano a un massimo di 1.682 euro e ritiro del libretto di circolazione.

LEGGI ANCHE: Puoi risparmiare facilmente senza stress 100 euro ogni mese. Ecco da dove iniziare

Il cambio gomme stagionale implica tre voci di costo: l’acquisto delle gomme; il montaggio; la custodia delle gomme. Per uno pneumatico estivo si va da un minimo di 70 euro (low cost) e si arriva a 140 euro per marche premium come Bridgestone o Pirelli. Il prezzo del montaggio varia da città a città: il costo minimo è di 30 euro, ma possono essere chiesti anche 70-80 euro. Infine, per la custodia la media si aggira intorno ai 40 euro.