Reddito di Cittadinanza, cosa si rischia davvero se si prendono soldi non dovuti

Cosa succede se si fanno dichiarazioni false o se si lavora in nero nonostante si percepisca il reddito di cittadinanza, insomma una truffa al reddito di cittadinanza?

l Reddito di cittadinanza è una misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. Si tratta di un sostegno economico ad integrazione dei redditi familiari. Questo è associato ad un percorso di reinserimento lavorativo e sociale, di cui i beneficiari sono protagonisti sottoscrivendo un Patto per il lavoro o un Patto per l’inclusione sociale. Come stabilito dal DL 4/2019, i cittadini possono richiederlo a partire dal 6 marzo 2019, obbligandosi a seguire un percorso personalizzato di inserimento lavorativo e di inclusione sociale.

Il beneficio economico si compone di due parti: una integra il reddito familiare fino alla soglia di 6.000 euro moltiplicati per la scala di equivalenza (7.560 euro per la Pensione di cittadinanza), l’altra, destinata solo a chi è in affitto, incrementa il beneficio di un ammontare annuo pari al canone di locazione fino ad un massimo di 3.360 euro (1.800 euro per la Pensione di cittadinanza). È prevista anche una integrazione per famiglie proprietarie della casa di abitazione, laddove sia stato acceso un mutuo: in questo caso l’integrazione, pari al massimo alla rata del mutuo, non può superare 1.800 euro.

L’importo complessivo, sommate le due componenti, non può comunque superare i 9.360 euro annui (780 euro mensili), moltiplicati per la scala di equivalenza e ridotti per il valore del reddito familiare.

Reddito di cittadinanza i rischi nel caso di una truffa

LEGGI ANCHE: Depressione, ansia e dipendenze hanno un costo: quanto spendere per curare la salute mentale

Ma cosa si rischia nel caso in cui, illecitamente, si siano percepiti più soldi di quanti dovevano spettare? Innanzitutto ci sono alcune circostanze in cui si può perdere l’erogazione è sono quanto uno dei componenti del nucleo familiare non comunica l’eventuale variazione della condizione occupazionale oppure effettua comunicazioni mendaci; non presenta una DSU aggiornata in caso di variazione del nucleo familiare;
non effettua la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro; non accetta almeno una di tre offerte di lavoro congrue oppure, in caso di rinnovo, non accetta la prima offerta di lavoro congrua; non partecipa, in assenza di giustificato motivo, alle iniziative di carattere formativo o di riqualificazione o ad altra iniziativa di politica attiva o di attivazione;
non sottoscrive il Patto per il lavoro ovvero il Patto per l’inclusione sociale; non aderisce ai progetti utili alla collettività, nel caso in cui il comune di residenza li abbia istituiti
venga trovato, nel corso delle attività ispettive svolte dalle competenti autorità, intento a svolgere attività di lavoro dipendente, ovvero attività di lavoro autonomo o di impresa, senza averlo comunicato.

LEGGI ANCHE: Posto di blocco, la tentazione di non fermarsi: cosa potrebbe succedere

In questi casi si viene puniti con una reclusione da due a sei anni. Invece nel caso in cui si ometta di comunicare le variazioni sul reddito e patrimonio o altre informazioni che sono rilevanti per l’erogazione e che possono portare ad una riduzione o revoca, si rischiano da uno a tre anni, ma non solo: resta un debito da saldare con l’erario, visto che le somme percepite illecitamente vanno restituite.