Riparazioni dell’auto: prudenza e accorgimenti per evitare di avere problemi quando devi pagare il meccanico

Un automobilista non è obbligato a sapere tutto della propria macchina, ma anche fidarsi cecamente del meccanico non è una buona idea. Ecco alcuni consigli per non farsi fregare in officina.

diritti in officina

Avere un meccanico di fiducia che fa tutti i lavori con la massima serietà è una gran cosa, ma anche sapere che cosa sta per fare al nostro veicolo e come lo sta facendo è importante. Anche andando dal meccanico per una riparazione c’è il rischio di cadere in qualche truffa. Sappiate che anche dal meccanico avete dei diritti da far valere, che tutelano voi e la vostra necessità di sapere in che mani sta cadendo il vostro veicolo e in che modo verrà trattato. A richiesta, il meccanico è obbligato a spiegare in maniera completa e comprensibile quale sia l’intervento che intende fare al vostro veicolo e con quali modalità. Il preventivo deve essere sempre fornito prima dell’intervento e devono essere chiari quali siano i costi di manodopera e quali quelli degli pezzi di ricambio.

Leggi anche: Cosa succede se vai via dal ristorante senza pagare il conto

C’è poi la questione della garanzia. Ogni intervento di riparazione deve essere garantito per due anni, purché sia stata fatta da un professionista e possa essere provada da una ricevuta fiscale. I difetti evidenti possono essere contestati immediatamente, ogni altro difetto può essere contestato non oltre 60 giorni dalla scoperta. Sapere che cosa ci aspetta quando si sceglie un’officina a cui richiedere una riparazione è essenziale. La cercando su internet è possibile trovare i siti delle officine con i prezzi dei loro interventi. In alternativa è possibile telefonare per richiedere un preventivo gratuito. Attenzione: esistono delle eccezioni per cui un’officina potrebbe richiedere un pagamento per il preventivo, ma nel caso il responsabile sarebbe obbligato a informare prima il cliente. Una volta fatto il preventivo, questo ha valore di contratto e può essere presentato come prova in caso di controversie.

Leggi anche: INPS, come l’importo della tua pensione potrà cambiare nel corso degli anni

diritti in officina

Per quanto riguarda costi e tempi della manodopera, l’officina è libera di stabilire quelli ritenuti più corretti, ma è possibile consultare i siti della Camera di Commercio o di Confartigianato per essere sicuri che siano richieste eque. Nei siti vengono pubblicate tariffe indicative calcolate sulla media delle imprese di autoriparazione e carrozzeria. Infine si deve parlare della custodia del veicolo. L’officina è obbligata per legge a custodire il veicolo in modo sicuro da danni e furti. A nulla valdono i cartelli con su scritto “si declina ogni responsabilità” il veicolo deve essere tenuto in sicurezza. Anche in caso il meccanico voglia trattenere il veicolo di un cliente che non paga, cosa di cui ha tutto il diritto, il veicolo deve essere mantenuto in condizioni di sicurezza.