Oggi al via il bonus auto. E’ previsto fino al 31 dicembre, ma finirà molto prima

Al via il bonus per le auto usate: ci sono fino a 2000 euro per la rottamazione di vecchi veicoli ma attenzione: il fondo potrebbe finire prima. bonus auto usate

Finalmente arriva l’incentivo per un settore asfittico del mercato dell’auto, un provvedimento atteso da anni per consentire anche a chi non ha grandi mezzi economici di poter sostituire la propria automobile. Del resto il parco auto italiano è vecchio, con un’età media superiore ai 10 anni e questo di certo non contribuisce alla lotta verso l’ambiente.

Dalle 10 di ieri dunque i concessionari possono accedere alla piattaforma ecobonus.mise.gov.it e prenotare così gli incentivi per l’acquisto di vetture che rientrano nella categoria M-I. Come ha specificato il Mise, Ministero dello sviluppo economico, per il nuovo incentivo sono messi a disposizione 40 milioni di euro per l’acquisto di un veicolo usato di classe euro non inferiore a 6, con un prezzo risultante dalle quotazioni medie di mercato non superiore a 25.000 euro e con emissioni comprese tra 0-160 g/km CO2. Questo bonus fa parte del decreto Sostegni bis, trasformato nella legge 106 ed entrato in vigore lo scorso 25 luglio.

Ecobonus per auto usate: fino a 2000 euro di incentivo con la rottamazione

bonus auto usate

LEGGI ANCHE: Bonus INPS da chiedere entro il 30 settembre, i requisiti per averlo

La manovra ha come obiettivo rilanciare l’economia italiana e contribuire alla sostenibilità ambientale  in diversi settori, tra cui proprio quello dell’auto. Entro il 2035 l’Europa non potrà più vendere auto con il motore termico ed entro pochi anni diverse città non permetteranno la circolazione alle auto diesel. queste ultime hanno conosciuto un vero e proprio boom dalla fine degli anni ’80 fino al 2015, costituendo oltre la metà del parco circolante italiano. Questo è uno dei motivi per cui serve un forte ricambio.

Per ottenere l’ecobonus auto usate c’è tempo fino al 31 dicembre, però è probabile che le risorse verranno esaurite prima di quella data perché secondo quanto scrive Il Sole 24 Ore “la dote di 40 milioni, a fronte di una fascia media di contributo di 1.000 euro, potrebbe rivelarsi esigua e andrà considerato un suo eventuale rifinanziamento”.

LEGGI ANCHE: Furti d’auto, presto sarà impossibile rubarle: ecco cosa sta già accadendo con i nuovi modelli Mercedes

Il contributo elargito dal governo, spiega il ministero dello Sviluppo Economico, sarà riconosciuto soltanto con rottamazione, e verrà differenziato in base alla fascia di emissioni dell’autovettura usata acquistata. In particolare, da 0-60 g/Km si parla di 2mila euro, da 61-90 g/Km mille euro e da 91-160 g/Km, 750 euro, a patto che il costo dell’auto non superi i 25mila euro e sia immatricolata Euro 6.