Furti d’auto, presto sarà impossibile rubarle: ecco cosa sta già accadendo con i nuovi modelli Mercedes

Mercedes ha messo a disposizione dei suoi clienti europei l’Urban Guard – Stolen Vehicle Help, un servizio per le auto che permette di ritrovare più facilmente il proprio veicolo in caso di furto.

La percentuale di recupero delle auto rubate nel nostro Paese si riduce, mentre cresce in maniera significativa il numero dei veicoli che, una volta sottratti, spariscono nel nulla. Negli ultimi 10 anni, si sono perse le tracce di oltre 1 milione di veicoli, di cui 682.000 autovetture, mentre la restante parte è composta da moto, veicoli commerciali leggeri e mezzi pesanti. Stando ai dati, nel 2020 ci sono stati 102.708 furti in Italia, con la Panda al primo posto seguita da Fiat 500, Fiat Punto, Lancia Ypsilon, Golf, Fortwo Coupè, Clio, Fiesta, Corsa, Uno. La classifica dei SUV preferiti dai ladri vede nelle prime 10 posizioni: Nissan Qashqai, Range Rover, Hyundai Tucson, Toyota Rav4, Kia Sportage, Range Rover Evoque, BMW X1, Mercedes-Benz ML, Mitsubishi Pajero e BMW X5.

Leggi anche: Irreperibili o residenti all’estero, il Reddito di Cittadinanza arriva lo stesso a chi lo chiede. E non è finita qui

Forse è per questo che Mercedes ha pensato ad un servizio ad hoc, in collaborazione con IBM, per aiutare i proprietari a ritrovare i veicoli perduti. Il servizio si chiama “Urban Guard – Stolen Vehicle Help”, ed è stato reso recentemente disponibile nell’app Mercedes. La soluzione si basa su una precedente collaborazione tra IBM e Daimler, la società madre di Mercedes, per sviluppare servizi di auto connesse come “ready to“. Il servizio, disponibile per i clienti europei dal novembre 2020, è ora stato diffuso in Nord America e Asia. Il servizio è stato presentato in occasione della fiera Iaa di Monaco, al Salone dell’auto, in programma dal 6 al 12 settembre nella città bavarese.

Leggi anche: Pensione di vecchiaia, ecco quando ti potrebbe essere negata

Il servizio raccoglie velocemente tutti i dati del veicolo e della sua posizione per condividerli tempestivamente con le forze dell’ordine, servendosi di un contributo di un partner di servizio autorizzato a comunicare con le stazioni di polizia di tutto il mondo. “Sempre più i consumatori si aspettano e apprezzano i servizi digitali e connessi allo stesso modo delle prestazioni di guida del veicolo, il che significa che le esperienze delle auto connesse sono importanti quanto la potenza o la maneggevolezza“, ha affermato Juergen Braun, Vice President e Industry Leader Industrial, Automotive Ibm Dach. “Sviluppare servizi di auto connesse che aiutano a salvaguardare l’investimento del proprietario è un modo significativo per Mercedes di approfondire la relazione con i propri clienti, oltre a differenziarsi”.