Sequestrati sei studi medici. Una fortuna per curare i denti, gli odontotecnici sono falsi. Ma i soldi spesi erano veri

Scoperti dai carabinieri in provincia di Napoli 6 falsi dentisti che curavano ed operavano i pazienti senza aver mai conseguito la laurea.

Odontotecnici si, ma senza diploma. E’ quanto accaduto a Napoli, Gragnano, Agerola, Villaricca, Sant’Antonio Abate e Vico Equense, dove sono stati sequestrati 6 studi medici. I carabinieri del Nas di Napoli, nell’ambito di servizi disposti dal comando carabinieri per la tutela della salute, hanno ispezionato diversi studi dentistici, scoprendo che, all’interno, vi erano altrettanti odontotecnici che svolgevano l’attività di dentista, pur non avendo mai conseguito il diploma di laurea necessario per l’esercizio della professione sanitaria.

Leggi anche: Conto corrente cointestato, come può intervenire il Fisco

Nel corso delle ispezioni, i militari hanno interrogato alcuni pazienti presenti nell’ambulatorio che hanno confermato di essere stati visitati e sottoposti alle cure da parte dei titolari degli studi. Chiaramente, nessun paziente ha riferito di essere a conoscenza della mancanza di attestato e di certificazione della competenza. I responsabili sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione sanitaria. Inoltre, sono state sequestrate le sale odontotecniche abusive negli ambulatori, comprese tutte le sofisticate attrezzature per la cura dei denti, per un valore complessivo di circa 200mila euro.

Leggi anche: Guadagnare e risparmiare, 7 buoni consigli da attuare il prima possibile nella tua vita

Qualcosa di simile è accaduto qualche giorno fa a Montesanto, dove gli agenti dei Commissariati Secondigliano e Dante hanno individuato, durante un controllo effettuato il 15 settembre, un falso dentista. L’uomo, 53enne di Napoli, esercitava la professione pur non essendo in possesso di alcun requisito. L’uomo, con precedenti di polizia, aveva allestito uno studio dentistico senza avere alcuna autorizzazione e i locali dello studio erano in condizioni igienico-sanitarie pessime. Come si evince dalle foto diffuse dalla Polizia di Stato, le attrezzature odontoiatriche erano conservate in cassetti sporchi senza alcun tipo di protezione. L’uomo è stato denunciato per esercizio abusivo della professione medica.