La tua pensione può aumentare, ecco tutti i casi previsti

Riscatto dei contributi, ricongiunzione, totalizzazione e cumulo, continuare a lavorare: ecco come può aumentare la pensione che percepiremo.

pensione (foto Adobestock)
pensione (foto Adobestock)

Per chi si avvicina alla fine dell’età lavorativa diventa importante iniziare a calcolare quanto percepirà di pensione, così da comprendere che stile di vita potrà avere dal giorno in cui potrà andare a riposo. Ci sono casi in cui è possibile aumentare quanto sarà percepito, come la ricongiunzione, il cumulo e totalizzazione, il versamento dei contributi volontari, il riscatto contributivo oppure continuare a lavorare per maturare un compenso maggiore. Tutti questi mezzi consento di aumentare il trattamento pensionistico.

L’importo della pensione dipende da diversi fattori che variano da lavoratore a lavoratore. La normativa 2021 prevede dunque diverse possibilità di aumentare la contribuzione e l’importo che si andrà a percepire. le possibilità prevedono il riscatto contributivo di periodi che non sono stati coperti dalla contribuzione, il riscatto della laurea – sia ordinario che agevolato -, il prolungamento dell’attività lavorativa anche dopo il raggiungimento al diritto alla pensione, il versamento di contributi volontari, la ricongiunzione, totalizzazione o cumulo dei contributi se versati in più gestioni previdenziali, così da avere un’unica pensione, la pensione supplementare.

Come aumentare la pensione: tutte le possibilità della normativa attualepensione (foto Adobestock)

LEGGI ANCHE: Foglio rosa e patente senza spendere i soldi della scuola guida. Sì può fare

La pensione supplementare è un trattamento pensionistico ulteriore che può essere liquidato ai lavoratori dipendenti del settore privato iscritti all’Ago che hanno già versato contributi per raggiungere una determinata forma pensionistica ma che non bastano per il riconoscimento del diritto alla pensione.

Per ottenere la pensione supplementare per aumentare la pensione bisogna essere lavoratore autonomo ì già titolare di pensione o avere in corso di liquidazione una pensione principale a carico di un Fondo sostitutivo, esclusivo o esonerativo dell’Ago, nonché aver maturato almeno un contributo settimanale o mensile nell’Ago e non avere i requisiti di assicurazione e di contribuzione previsti per ottenere la pensione autonoma.

LEGGI ANCHE: Conto corrente cointestato: puoi liberarti dell’altro o trasferire i soldi altrove, e senza dare spiegazioni

Come alternativa c’è la possibilità di non interrompere il rapporto lavorativo al momento dell’arrivo del diritto alla pensione. Questo è possibile rispettando però dei parametri. In sostanza è possibile cumulare la pensione di vecchiaia con quella di anzianità, non ci sono più limiti di reddito per cui è possibile lavorare e continuare a versare contributi per aumentare la pensione.