Presto l’Italia e gli italiani spariranno, dice Elsa Fornero

Declino demografico, declino economico, natività, speranza di vita e impatto sulle pensioni: l’analisi di Elsa Fornero 

Italia senza figli e senza lavoratori. La fotografia, scattata dall’Istat nel 2020, sembra riproporsi di ora in ora. La popolazione invecchia e il ricambio generazionale va a rilento, come sottolineato anche da Pasquale Tridico, presidente dell’Inps. Quest’ultimo ha infatti sottolineato che esiste anche un problema demografico, con una popolazione giovanile molto ridotta. Da tempo, il numero dei decessi supera quello delle nascite. Nel 2020, infatti, la popolazione italiana è ulteriormente scesa di 405 mila unità per un numero di decessi superiore al numero dei nati. Peccato che, proprio la prosperità di un Paese, dipenda anche dall’aumento della popolazione, che fornisce la forza di lavoro, oltre che dalla produttività degli occupati.

Leggi anche: Quale pensione mi aspetta con uno stipendio di 1400 euro e anche meno

A sottolineare il problema è Elsa Fornero, in un articolo di commento alla situazione demografica, su La Stampa: “Basta guardare all’altra sponda del Mediterraneo, dove si affacciano Paesi con popolazioni fortemente dinamiche e una struttura per età molto diversa dalla nostra, con molti neonati, bambini e giovani e relativamente pochi anziani; una “piramide demografica” somigliante a quella dell’Italia degli Anni 50, quando il Paese cresceva ai ritmi sostenuti del “miracolo economico” e gli italiani si spostavano prevalentemente dal Sud agricolo al Nord industriale e dalle campagne alle città”. Da queste basi, il problema del sistema pensionistico.

Leggi anche: Cambiare vita. Cosa fare per lavorare e vivere in pace alle Canarie

Infatti, l’aumento dell’età pensionabile – che in Italia dovrebbe slittare a 71 anni – non colmerebbe affatto l’insufficienza delle forze di lavoro e i minori contributi sociali con i quali finanziare la sanità e le pensioni di un crescente numero di anziani. Una società con meno persone, inoltre, mette in crisi l’economia dal momento che sarà ancor meno attraente per gli investimenti e per il progresso tecnologico. Il declino demografico e quello economico, si alimentano. Cosa fare? “Aiuti alle donne, alle famiglie e un welfare calibrato sui bambini possono essere il primo passo di un cammino difficile che coinvolge i valori profondi di ciascuno di noi”, scrive Fornero nel suo articolo “Il lungo inverno di un Paese senza più figli – Un doppio declino economico e sociale. Così in meno di tre secoli l’Italia scompare”.