Odore di gas, cose devi subito fare per evitare il disastro

Stiamo tranquillamente in casa a farci i fatti nostri e all’improvviso sentiamo odore di gas. Inutile farsi prendere dal panico, meglio rimanere calmi e sapere cose fare.

L’aggiunta dell’odore al gas metano per poterlo riconoscere nell’aria è stata una delle migliori idee che gli ingegneri potessero avee. Il gas metano, di base, non ha odore. Si tratta di ungas invisibile e inodore che non può riempire un’intera stanza senza che nessuno se ne accorga e recare gravissimi danni all’organismo, sostituendosi all’aria e non permettendo alle persone di respirare. Questo è il motivo, per fare un esempio, per cui i minatori nel passato rischiavano la vita ogni volta che scendevano in un nuovo tunnel. Una fuoriuscita di gas non registrata poteva uccidere tutti quanti senza che nessuno se ne rendesse conto. Oltre a questo il gas metano è facilmente infiammabile. Una sola scintilla può causare esplosioni e incedi. Per questo motivo nel gas di casa vengono aggiunti dei tioli, in modo da dare al gas quel caratteristico e odore agliaceo che permette di individuare per tempo la perdita e poter intervenire.

Leggi anche: Giacenza sul conto corrente, quando il Fisco inizia a farci caso

La prima cosa da fare quando si avverte tale odore è infatti trovare la fonte della perdita. La prima reazione alla scoperta della perdita è aprire immediatamente le finestre di casa e arieggiare il più possibile gli ambienti. Basta un 4,4,% di gas nell’aria per rischiare un’esplosione, quindi questa operazione deve essere fatta nel minor tempo possibile. Un accorgimento da prendere immediatamente è quello di chiudere al più presto la valvola del gas e il spegnere il quadro elettrico, in modo da arginare la fuoriuscita di gas e evitare che una luce o un altro dispositivo elettronico causino scintille che possano innescare un’esplosione. Una volta messe in sicurezza le persone è bene chiamare i numeri di emergenza 112 o 115 e far intervenire gli esperti per evitare che si inneschino incendi. Una volta terminato tutto è il caso di chiamare un tecnico professinista che possa riparare il danno che ha portato alla fuoriuscita incontrollata di gas.

Leggi anche: Partite Iva, aiuti e contributi: le cose da fare entro il 31 dicembre

Uno dei pericoli a lungo termine più pericolosi legati al gas metano sono le intossicazioni da ossido e monossido di carbonio. Riconoscere i sintomi delle intossicazioni è vitale per evitare complicazioni future. Alcuni dei sintomi di intossicazione da ossido e monossido di carbonio sono:

  • Astenia (ovvero eccessivo affaticamento fisico);
  • Cefalea;
  • Nausea.

In un secondo momento possono sopraggiungere:

  • Nevriti (infiammazioni che comportano disturbi sensoriali, dolore e formicolio);
  • Sindromi parkinsoniane ed epilettiche;
  • Aritmie cardiache;
  • Disorientamento e confusione.