Vita sostenibile: come ridurre lo spreco della plastica in poche e semplici mosse!

Ridurre lo spreco di plastica non è solo necessario, ma un imperativo morale che ciascuno di noi deve portare avanti. Come fare, quindi, per risparmiare sulla plastica nella vita di tutti i giorni e contribuire, nel proprio piccolo, alla salvaguardia del pianeta? 

L’inquinamento dovuto al consumo della plastica è uno dei problemi più critici di questo secolo. Milioni di animali in pericolo di estinzione vengono uccisi ogni anno dall’inquinamento da plastica mentre i mari si riempiono sempre di più di bottiglie e scarti di ogni genere.  #PlasticFreeJuly è un movimento globale che mira a riflettere sulla quantità di rifiuti di plastica puntando sulla necessità di risolvere questo problema. Secondo uno studio dell’Università di Santa Barbara in California, meno del 10% di tutta la plastica prodotta è stata riciclata, portando ad oltre 8,3 miliardi di tonnellate di rifiuti. Proprio l’introduzione di modelli responsabili di produzione e di consumo della plastica è tra gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda Onu 2030. 

Leggi anche: Lavatrice, come ridurre i costi in bolletta in poche e semplici mosse

Si stima che, ogni anno, dai fiumi si riversino nell’oceano da 1,15 a 2,41 milioni di tonnellate di rifiuti plastici. Secondo la stima dei ricercatori, la massa di microplastiche “invisibili” che si trova nei primi 200 metri dell’Oceano Atlantico è compresa fra 12 e 21 milioni di tonnellate. Quando la plastica si frantuma, dopo essere rimasta in superficie, una parte affonda nel mare dove rilascia sostanze chimiche che mettono a rischio lo sviluppo della fauna marina. Il problema si espande anche sul piano economico: gli sforzi per ripulire la plastica dall’oceano hanno già causato notevoli spese finanziarie.

Leggi anche: Cashback, in arrivo provvedimenti per i furbetti del rimborso

Secondo “The Ocean Cleanup”, i costi annuali dovuti alla plastica marina sono stimati tra i 6 e i 19 miliardi di dollari. Per via di questi vari fattori e per cercare di preservare le risorse per le prossime generazioni, è necessario evitare che ulteriori rifiuti vengano immessi nell’oceano. Inoltre, l’attuale pandemia di Coronavirus ha portato ad un serio aumento della domanda di plastica monouso, come mascherine e guanti.

Cosa fare?

Ciascuno di noi può, nel suo piccolo e con piccoli sforzi, cercare di ridurre il consumo – o meglio lo spreco – di plastica. Ecco qualche consiglio.

  • Eliminare le cannucce: basta cannucce di plastica, specie al bar. Beviamo dal bicchiere.
  • Eliminare i sacchetti della spesa: meglio sacchetti riutilizzabili!
  • Acquistare detersivi fusi: eviterai, così, di comprare bottiglie. Attenzione anche ai cibi: evita tutto ciò che ha a che fare con il packaging.
  • Utilizza contenitori di vetro: in questo modo, potrai riutilizzarli.
  • Bevi l’acqua dalle bottiglie in vetro: questo consiglio può risultare difficile per chi si ritrova ad acquistare le confezioni al supermercato. Esistono, però, moltissimi modi per filtrare l’acqua del rubinetto eliminando le sostanze nocive.
  • Evitare i monouso al bar e in ufficio: perché non avere con te una borraccia?
  • Eliminare bicchieri, posate e piatti usa-e-getta: meglio quelle d’acciaio.
  • No ai pannolini usa-e-getta : meglio i pannolini di stoffa!
  • Dici addio al superfluo: compra ciò che serve!