Elettrodomestici, le nuove etichette energetiche: a cosa stare attenti

Ecco quali sono e come riconoscere le nuove etichette energetiche applicate sugli elettrodomestici, secondo le nuove normative europee. 

Sono ormai entrate in vigore le nuove etichette energetiche europee che hanno introdotto classi di consumo su tutti gli elettrodomestici in vendita e contenenti anche il codice Qr. Una volta inquadrato il codice con il proprio smartphone, si accederà alla pagina web del database europeo EPREL, che permetterà di conoscere tutti gli aspetti e le caratteristiche dell’elettrodomestico in questione e di verificare i dati riportati nell’etichetta, tra cui quelli sui consumi energetici e tutte le caratteristiche tecniche. Grazie alle nuove etichette, è possibile valutare qual è l’elettrodomestico più efficiente dal punto di visto del consumo energetico.

Leggi anche: Come risparmiare acqua in casa: trucchi e consigli!

L’UE ha deciso di rivedere la vecchia classificazione degli elettrodomestici; le nuove etichette riguardano frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, lavastoviglie, tv e display. Per tutti gli altri, l’introduzione della nuova etichetta partirà dal 2022. Le nuove etichette energetiche reintroducono la classificazione da A a G, eliminando i “+”. In questo modo, la lettura dovrebbe essere facilitata. Ad esempio, un vecchio elettrodomestico con etichetta A+++ potrebbe finire, in base a questa nuova classificazione, in classe C. Ciò non significa, chiaramente, che l’elettrodomestico diventa meno efficiente ma che, in base ai nuovi criteri, vengono posizionati in una scala inferiore.

Leggi anche: Pensioni, ecco cosa cambia con quota 41 e chi può andare via

Le novità

Se, dunque, in alto a destra dell’etichetta è presente il Qr code, allora ci troviamo di fronte alla nuova classificazione che introduce, tra le altre novità, la classe di emissione sonora (da A a D), che va ad aggiungersi al livello delle emissioni sonore espresso in dB, dove A indica un valore minore di 30 dB e D maggiore o uguale a 42 dB. Vediamo ora le caratteristiche delle varie etichette energetiche in base all’elettrodomestico:

  • Frigoriferi e congelatori

1. QR Code
2. Classe di efficienza energetica (A-G)
3. Consumo di energia in kWh/anno (nuovi standard)
4. Volume totale dei comparti del congelatore
5. Volume totale dei comparti del frigorifero
6. Emissioni sonore e classi di emissioni sonore

  • Lavatrici 

1. QR Code
2. Classe di efficienza energetica (A-G)
3. Consumo di energia in kWh per 100 cicli di lavaggio (nuovi standard)
4. Capacità di carico massima
5. Durata modalità Eco 40-60 a pieno carico
6. Consumo di acqua in litri per ciclo di lavaggio
7. Emissioni sonore e classi di emissioni sonore
8. Classe di efficienza della funzione centrifuga