Meno tasse se vivi con un anziano: ecco come! Occhio alle agevolazioni

Ecco quali sono le agevolazioni fiscali destinate a chi assume una badante per la cura di una persona non autosufficiente. 

Assumere una badante o una colf che si prenda cura di un nostro parente non autosufficiente è certe volte una necessità. La legge concede delle agevolazioni fiscali al riguardo, chiaramente in presenza di determinate condizioni di reddito ed entro un limite di spesa. Le agevolazioni vanno ad aiutare sia il familiare che ha bisogno di assistenza in casa che il familiare che ha necessità di essere accaduto da qualcuno pur essendo in una struttura apposita. Chi vive con un familiare anziano e assume e retribuisce regolarmente una badante o colf, può beneficiare di una detrazione massima sulle spese sostenute di 2.100 euro. Per ottenere l’agevolazione, in fase di dichiarazione dei redditi, bisogna riportare le spese sostenute per pagare la badante sul modello 730. I pagamenti devono essere effettuati con mezzi tracciabili.

Leggi anche: Bonus vacanze, niente proroga: 500 euro fino a dicembre

La detrazione del 19% riguarda le spese sostenute per pagare addetti all’assistenza personale; oppure per pagare chi da assistenza a persone che non sono autosufficienti nel compiere gli atti quotidiani della vita. Sono escluse le spese di assistenza a beneficio delle persone la cui mancanza di autosufficienza non è collegata all’esistenza di una. Si considera quindi non autosufficiente una persona incapace di assumere alimenti; deambulare; espletare le proprie funzioni fisiologiche e dell’igiene personale; indossare degli indumenti. La situazione fisica della persona in questione deve essere certificata da un medico.

Leggi anche: Bonus collaboratori sportivi, quando arrivano i pagamenti?

Le condizioni 

La detrazione del 19% contenuta nelle agevolazioni fiscali sulle badanti spetta a chi ha un reddito complessivo lordo inferiore ai 40.000 euro annui. All’interno del reddito complessivo devono essere inseriti redditi da fabbricati assoggettati alla cedolare secca; l’agevolazione Ace (Aiuto alla crescita economica) utilizzata. Ha diritto alla detrazione fiscale anche chi ha un familiare non autosufficiente ricoverato in una casa di riposo o di cura ed ha bisogno di assistenza da parte di una badante; un’agenzia interinale; una cooperativa di servizi.