Monete rare, ecco cosa fare quando volete venderle

Una moneta rara è un tesoro solo in potenza! Una volta trovata occorre sapere quando vale, come venderla e, soprattutto, a chi… Attenzione alle truffe ed occhio a sapere bene cosa fare! 

Vendere monete rare

La vendita di una moneta rara è una questione delicata. Per chi non si è mai addentrato particolarmente nel settore e non è un esperto in materia, è facile cadere in interpretazioni errate o truffe. Una moneta rara, infatti, fa gola soprattutto ai collezionisti privati che proveranno sempre a sfruttare un fortunato scopritore di un pezzo particolarmente pregiato per averlo a un prezzo molto favorevole. Usare un negozio di numismatica come intermediario abbasserebbe un po’ il guadagno a causa dei prezzi di commissione, ma risulterebbe più sicuro rendendoti in qualche modo più protetto dalle trufffe.

Leggi anche: Criptovalute, l’allarme di USB: “Non investite sui Bitcoin”

La miglior arma che si può avere in questi casi però è la conoscenza. Sapere dall’inizio il valore della moneta trovata darà un enorme vantaggio quando si decide di venderla. Il valore delle monete rare – come accade per gli oggetti di antiquariato – cambia in base a moltissimi fattori che serve tenere sotto osservazione. Molti siti online che si occupano di numismatica riportano esempi di monete rare con il loro valore di mercato e sono un’ottima fonte di informazione. Inoltre, esistono siti di aste online che possono dare informazioni interessanti.

Leggi anche: Mutuo, è possibile aumentare l’importo: ecco come

Le caratteristiche di una moneta rara

Il valore delle monete cambia in base all’unicità della moneta stessa, se ha un conio particolarmente raro, o, ancora meglio, errori di conio, e al suo grado di conservazione. Nella numismatica esistono specifiche sigle per indicare lo stato di conservazione delle monete:

  • FDC: Fior di conio, ovvero monete che non presentano segni di circolazione o comunque molto limitati, conservate nella maniera migliore con la brillantezza originale sulle superfici;
  • SPL: Splendido, ovvero monete che hanno circolato pochissimo, con rilievi integri;
  • BB: Bellissimo, ovvero monete che hanno circolato e hanno rilievi maggiori con segni di usura, anche se rimangono leggibili;
  • MB: Molto bello, ovvero monete usurate con alcune parti non leggibili;
  • B: Bello, ovvero monete lisce con la maggioranza dei rilievi scomparsi;
  • D: Discreto, ovvero monete quasi completamente lisce con rilievi appena intuibili o con segni deturpanti

Per riconoscere lo stato di conservazione occorre osservare attentamente la moneta con una lente di ingrandimento e controllare ogni punto. Un’operazione di verifica che una persona con nessuna conoscenza di numismatica non può fare, quindi è sempre meglio consultare un esperto. Alcuni siti di aste online di monete, come ad esempio Catawiki, mettono a disposizione team di professionisti che si occupano di valutare la moneta per voi.