Incentivi auto 2021: come richiedere il bonus

Grazie alla conversione del decreto Sostegni Bis nei contributi previsti dalla legge finanziaria 2021 l’acquisto di autovetture a basse emissioni è stato prorogato. Ecco i parametri e le condizioni necessarie per accedere.

bonus auto

Chi desidera acquistare un’auto, anche usata ma a determinate condizioni, è ancora in tempo per usufruire d’interessanti incentivi auto. Grazie al decreto Sostegni Bis il bonus per l’acquisto di auto a basse emissioni è stato prorogato fino al 31 dicembre 2021. Il finanziamento verte su un totale di 350 milioni di euro, suddivisi tra auto elettriche e ibride con emissioni comprese tra 0 e g/km di CO2.

La maggior parte del denaro verrà impiegato nell’acquisto di auto usate, Euro 6 benzina, diesel e utenze. Il provvedimento risulta ormai in vigore e si può procedere con la domanda, il bonus sarà disponibile fino a esaurimento del denaro.

Leggi anche: Turismo, Confturismo conferma la spaventosa impennata di disdette

Per la richiesta è necessario prenotare sulla piattaforma del Ministero dell’Economia. Dal 5 agosto, le concessioni per i veicoli commerciali e speciali potranno essere inoltrate. Per quanto riguarda le auto usate, invece, gli orari di accesso alla piattaforma non sono ancora molto chiari. La ragione è un aggiornamento che sta modificando la stessa piattaforma. L’iniziativa del governo scadrà il 31 dicembre, ma potrebbe fermarsi prima se i fondi si esauriranno.

Per accedere all’incentivo è necessario rottamare un’auto immatricolata prima di gennaio, che può essere a nome dell’acquirente oppure di un familiare che abbia vissuto nel suo stato di famiglia per almeno 12 mesi. C’è inoltre da ricordare che il bonus non verrà erogato a coloro che hanno già beneficiato degli incentivi.

Leggi anche: Pensione di vecchiaia per i commercianti, come combinarla con la Naspi

Risparmio e sostenibilità

I commercianti e i professionisti autorizzati dovranno occuparsi in prima persona della pratica e recuperare l’importo pagato in qualità di credito d’imposta. Non si sa ancora  come debba essere formalizzata la procedura e soprattutto se il concessionario si debba presentare come proprietario del veicolo o in possesso solo di una procura per la vendita. In ogni caso si tratta di un incentivo che sosterrà sicuramente l’acquisto di auto usate e promuoverà la vendita di veicoli a bassa emissione, nell’ottica di un futuro sempre più sostenibile nel settore automotive. L’obiettivo della sostenibilità è proprio quello di formare un equilibrio tra ambiente, economia e società, per garantire a tutti delle migliori condizioni di vita.