Pensi che quelli del Reddito di Cittadinanza stanno sperperando i soldi dello Stato? E’ in arrivo un bonus di 1600 euro, anche per loro

Il bonus potrebbe essere percepito anche da chi già riceve il Reddito di cittadinanza, seppur a cifre ridotte.

Il bonus da 1600 euro consiste in un’ indennità aggiuntiva prevista dal decreto Sostegni bis e destinata ad alcune categorie di lavoratori particolarmente colpiti dalla crisi pandemica. Il beneficio non concorre alla formazione del reddito ed è erogato dall’Inps. La novità è che il bonus potrebbe essere percepito anche da chi già riceve il Reddito di cittadinanza, seppur a cifre ridotte. In attesa dell’ufficializzazione che arriverà con una circolare Inps, dovrebbe restare valida la direttiva già in vigore per il bonus da 2.400 euro in favore di alcune categorie di lavoratori. Anche con il Sostegni bis, dunque, potranno usufruire del bonus nuclei familiari beneficiari del reddito di cittadinanza.

Leggi anche: Pensione di invalidità, ecco chi ne ha diritto e come può richiederla

Infatti, l’Inps, nell’area riservata della piattaforma online per l’inoltro della richiesta, aveva confermato la compatibilità tra il bonus e il reddito di cittadinanza, facendo sapere che l’indennità poteva essere erogata “come importo integrativo del reddito di cittadinanza fino all’ammontare dovuto per la stessa indennità. L’indennità sarà dunque corrisposta direttamente per mezzo del reddito di cittadinanza al quale verrà aggiunto un importo fino all’ammontare della stessa indennità”, scriveva l’Inps. Inoltre, l’Istituto chiariva che, se l’importo mensile del reddito di cittadinanza spettante è superiore a tale indennità, il richiedente non riceverà l’integrazione dell’indennità. È probabile, dunque, che venga confermata questa direttiva anche con il bonus da 1.600 euro.

Leggi anche: Cashback dove sono finiti i nostri soldi? Agosto è il mese della verità

I requisiti

Va precisato che per ricevere il bonus 1.600 euro è necessario non essere già titolari di pensione, di indennità Naspi e che non si abbia in corso un contratto di lavoro dipendente. I beneficiari, inoltre, devono aver perso involontariamente il lavoro nel periodo tra l’1 gennaio 2019 e l’entrata in vigore del dl Sostegni-bis. Chi ha percepito il bonus 2.400 euro, stando al decreto Sostegni bis, riceverà il bonus 1.600 euro in automatico, senza necessità di presentare un’ulteriore domanda

Leggi anche: Come dare ai tuoi figli una dote di 10 mila euro senza fargli pagare la tassa di successione

Il bonus 1.600 euro è destinato a diverse categorie di lavoratori. Ne hanno diritto:

  • lavoratori stagionali e i lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori intermittenti ;
  • lavoratori autonomi occasionali;
  • lavoratori incaricati alle vendite a domicilio;
  • lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dello spettacolo.

Come fare domanda 

La domanda per ricevere l’indennizzo va presentata all’INPS esclusivamente in via telematica, utilizzando i canali messi a disposizione per i cittadini e per gli Istituti di patronato sul portale web dell’Istituto. In alternativa, le indennità possono essere richieste tramite il servizio di Contact Center integrato, telefonando al numero verde 803 164 da rete fissa oppure al numero 06 164164 da rete mobile