Farmaci, come risparmiare fino al 50 % acquistando lo stesso prodotto

La salute di una persona non ha prezzo, ma con i farmaci di più comune uso, quelli che tutti abbiamo in casa, è possibile risparmiare qualcosa.

medicinali generici

La liberalizzazione della vendita di prodotti farmaceutici ha dato una grossa mano ai consumatori, che oggi hanno la possibilità di risparmiare sulle medicine che comprano sfruttando alcuni strumenti a proprio vantaggio. Le medicine liberalizzate sono quelle più comuni, i cosidetti farmaci da banco, quelle medicine che qualunque persona può acquistare senza prescrizione medica. Sono medicine che curano patologie lievi e molto diffuse e, cosa particolare visto il tipo di prodotto, possono essere vendute al di fuori delle farmacie.

Leggi anche: Guida senza patente, quando e perchè le multe possono arrivare a 30 mila euro

Esistono infatti le parafarmacie. Negozi che vendono esclusivamente farmaci senza prescrizione medica, e che essendo in un mercato liberalizzato, possono giocare con il prezzo dei prodotti. Non è raro quindi trovare medicinali ad offerte speciali, con sconti, proprio come si troverebbe qualsiasi altro prodotto. Alcuni farmaci possono essere trovati anche nei reparti appositi dei supermercati che li possono vendere esattamente come le parafarmacie, inoltre con orari spesso più comodi. Uno studio ha dimostrato che acquistando nel giusto punto vendita si può risparmiare fino al 50% su ognuno dei farmaci acquistati. Le farmacie, dal canto loro, si adeguano a questa logica di mercato, facendo a loro volta offerte e sconti in modo da accaparrarsi i clienti. Le occasioni di risparmio così fioriscono da ogni parte.

Leggi anche: Rateizzare le cartelle delle multe, in quante mensilità ti è concesso frazionare il debito

medicinali generici

Infine c’è la scelta del medicinale a aprire altre finestre di risparmio. La scelta se prendere il medicinale di marca o un generico è fondamentale. I medicinali equivalenti, o generici, sono medicinali con gli stessi principi attivi dei medicinali di riferimento (Paracetamolo semplice per la Tachipirina, per esempio), che si differenziano dai medicinali più famosi solo per gli additivi, che non influiscono sull’effetto della medicina. I medicinali generici possono venire a costare fino al 70% in meno rispetto al medicinale più famoso. Questo non significa, come detto, che siano meno efficaci, la differenza sa negli additivi, e nel fatto che le case faramceutiche possono cominciare a produrre farmaci equivalenti dopo 20 anni dalla nascita del farmaco originale. Dopo quel periodo l’azienda originale del farmaco perdono l’esclusiva sulla formula.