Mutuo con bonus prima casa e garanzia del Governo, le prime proposte delle banche per chi vuole acquistare un immobile

Vediamo quali sono le proposte delle banche per il mese di ottobre riguardo il mutuo fino al 100% per i giovani under 36. comprare casa senza soldi

L’acquisto di un immobile per i giovani è uno degli imbuti burocratici-finanziari del nostro paese. Questo perché essere giovani, oggi, implica anche una estrema precarietà del lavoro, mentre il sistema di concessione dei mutui è ancora legato al concetto di lavoro a tempo indeterminato, una chimera per tanti under 40.

Il governo è intervenuto per cercare di tamponare questa situazione con il decreto Sostegni bis, che prevede la possibilità di acquistare la prima casa con una garanzia statale che varia dall’80 al 90%. I vantaggi di questo nuovo bonus casa sono l’esenzione dalle imposte di registro, ipotecaria e catastale sugli atti di compravendita, nuda proprietà, usufrutto di case di abitazione, con l’esclusione di quelle di lusso, l’esenzione dall’imposta sostitutiva sull’atto del mutuo, il riconoscimento del credito d’imposta come ristoro in caso di IVA pagata sul valore della casa che potrà essere utilizzato in compensazione, nella successiva dichiarazione IRPEF o ai fini dell’imposta di registro nei successivi atti di donazione o successione.

Il governo prevede una soglia massima di 250mila euro, ma ogni banca decide i parametri della propria offerta per l’intero pacchetto agevolativo. Per ottobre gli istituti di credito hanno preparato le nuove proposte, adeguandole a questo nuovo incentivo dello stato.

Mutui banche per i giovani: le migliori offerte di ottobreridiscussione del mutuo

LEGGI ANCHE: Arriva un aiuto fondamentale alle famiglie da parte dell’Inps: fino a 800 di bonus al mese

Dunque il governo a rifinanziato il fondo di garanzia sui mutui per la prima casa gestito da Consap, ma quali sono le banche che garantiscono fino al 100%? Andiamo con ordine.

Intesa Sanpaolo ha studiato due opzioni. La prima è destinata proprio a chi rientra nei parametri per il bonus prima casa e prevede nessuna spesa istruttoria e di incasso rata, con un TAN massimo di 1.05%. Per gli altri invece è possibile l’azzeramento dell’imposta sostitutiva anche con ISEE superiore a 40mila euro e c’è la possibilità di rateizzare fino a 40 anni con copertura fino al 100% del valore dell’immobile con rate di soli interessi con un preammortamento fino a 10 anni.

LEGGI ANCHE: Luca Morisi: droga e ragazzi. Quanto guadagnava il braccio destro di Salvini prima dello scandalo

Unicredit concede invece un mutuo a 15 o 30 anni, a tasso fisso o variabile – quest’ultimo calcolato dalla somma algebrica dell’Euribor360 a 3 mesi arrotondato allo 0,05 superiore, e lo spread. Credit Agricole invece prevede un mutuo al 100% tramite Consap, senza imposta sostitutiva, imposte di registro, ipotecarie e catastali.