Bonus vacanze entro il 31 dicembre, cosa accade se non riesci più a partire

La prima cosa che la pandemia ha colpito nella vita quotidiana delle persone è la possibilità di viaggiare. Per questo motivo è stato creato il bonus vacanze, ma la possibilità di utilizzarlo sta per scadere.

Il bonus vacanze è stato uno dei primi bonus ad essere creato all’inizio della ripresa dalla crisi pandemica. Uno sconto offerto dallo Stato per prenotare le vacanze presso una delle molte imprese di ricezione, hotel, bad & breakfast, agriturismi, ecc, che hanno aderito al bonus. Il bonus vacanza poteva essere richiesto fino al 31 dicembre dell’anno scorso (2020) ed essere utilizzato per tutto il 2021. Occorre ricordare quindi che la data ultima per l’utilizzo del bonus vacanze è il 31 dicembre. Possibile che molti che hanno avuto il bonus vacanze possano averlo conservato per un Natale fuori porta oppure per utilizzarlo a Capodanno, ma con la situazione dei contagi e della pandemia in continuo mutamento, non si è mai sicuri di poter partire.

Leggi anche: Taxi per gli acquisti di Natale e pagando la metà, chi può usarlo

Il bonus vacanze deve essere speso in un’unica soluzione in un’unica struttura di ricezione turistica, inoltre il contribuente deve dichiarare di utilizzare il bonus al momento della prenotazione. Cosa si può fare se per motivi legati alla pandemia di Covid-19 non fosse possibile partire, e quindi utilizzare il bonus vacanze? A questa domanda rispode l’Agenzia delle Entrate dichiarando che “l’importo dello sconto per il bonus vacanze non può essere, in alcun caso, oggetto di rimborso da parte dell’operatore turistico nel caso di mancata fruizione del soggiorno”.

Leggi anche: Euro, perché le banconote che usi avranno presto un altro valore

Inoltre, visto che il bonus può essere utilizzato in un’unica soluzione e una sola volta, in caso di mancata fruizione del sercizio non sarà possibile, in alcun modo, né utilizzarlo di nuovo, ne essere rimborsati dei soldi dello sconto. In breve, il bonus vacanze non prevede alcuna forma di tutela nel caso in cui, per caso o colpa del contribuente, la vacanza dovesse essere rimandata, neanche se la causa è legata alla pandemia stessa. Se si ha intenzione di andare in vacanza utilizzando il bonus vacanze, dunque, meglio fare attenzione ai contatti che si hanno precedentemente e di non risultare postivi al tampone.