RC senza possibilità di sospensioni, anche con l’auto ferma. Ma è per proteggerci meglio, dicono

Le nuove direttive dell’Unione europea rendono la Rc auto introducono importanti cambiamenti sull’assicurazione auto

Cambiamenti in arrivo sull’assicurazione auto. Infatti, le nuove direttive dell’Unione europea rendono la Rc auto obbligatoria anche quando il mezzo non circola su strana ed è depositato in un’area privata. Il provvedimento 2021/2118 dovrà essere reso effettivo in tutte le nazioni d’Europa entro il limite ultimo del 23 dicembre 2023. L’assicurazione auto è una voce di spesa molto costosa di diverse famiglie che possiedono un’autovettura. L’assicurazione auto, detta RC Auto e spesso abbreviata in RCA, è una polizza assicurativa base che copre i danni accidentali subiti o provocati da un’auto, sia quando è parcheggiata sia quando è in strada. Infatti, l’acronimo sta per “Responsabilità Civile Auto”. Ciò vuol dire che, in caso di eventuali danni fatti a cose o persone, a pagare sarà l’assicurazione, fino a un massimale stabilito al momento del contratto.

Leggi anche: Assegno per i figli e bonus genitori si possono sommare, ecco perchè

Come riporta Il Sole 24 Ore, ci sono delle condizioni particolari in cui scatta la deroga. Ad esempio, si può sospendere l’assicurazione su mezzi temporaneamente ritirati dalla circolazione, in quanto “non utilizzati per lunghi periodi per un uso stagionale”. Ciò è possibile qualora la nazione europea di riferimento, in caso di incidenti, proceda con un fondo di garanzia per i risarcimenti danni, cosa che in Italia è possibile con il Fondo vittime della strada. Per i sinistri all’estero, è previsto il rafforzamento dei sistemi di indennizzo. Si va verso l’aumento dei massimali minimi per i danni alle persone, 6.450.000 euro per sinistro, indipendentemente dal numero di persone lese, o 1.300.000 euro per persona lesa. Le modifiche saranno effettuate anche per i danni alle cose: 1.300.000 euro per sinistro, indipendentemente dal numero di persone lese.

Leggi anche: IMU, scadenza del 16 dicembre la seconda rata si può evitare: chi è esentato dal pagamento

Per bici elettriche e monopattini elettrici, rimane la facoltà di ogni singola nazione di decidere nel merito dell’obbligo o meno dell’assicurazione. L’obiettivo della direttiva europea è estendere la tutela ai terzi danneggiati da eventuali sinistri e aggiornare le norme. L’assicurazione dipende dal massimale RC Auto, cioè una cifra limite entro la quale sono coperti i costi di risarcimento da parte dell’assicurazione. Nel caso in cui il cliente non è responsabile di incidente ma rappresenta la parte lesa, l’assicurazione rimborsa i danni subiti.