Bollette a gennaio, peggio di come ci si aspettava. Risparmiate il più possibile

La notizia degli aumenti esponenziali delle bollette nel 2022 ha messo in allarme un po’ tutti. L’Europa si sta già preparando alla botta dei rincari dei prezzi di luce e gas, ma la situazione potrebbe essere addirittura peggiore di quanto preventivato.

Il 2022 sarà caratterizzato da un aumento vertiginoso dei prezzi delle bollette di luce e gas. Il problema è stato causato dalla pandemia, dai lockdown, dal blocco dei trasporti di della materia prima dal Medio Oriente e dalla Russia a causa dell’emergenza sanitaria, che ha intasato i trasporti, portando i serbatoi di mezzo mondo a svuotarsi progressivamente senza potersi ricarciare con continuità. L’Europa in particolare subirà pesantemente da questo effetto per via delle scelte green della politica comunitaria, che ha portato a un progressivo abbandono delle forme di energia a combustibile fossile, cosa che ha portato a un abbassamento degli acquisti degli stati membri. La conseguenza diretta è che in Europa non c’è molto gas naturale da utilizzare per produrre energia, e quello che c’è diventerà molto costoso.

Leggi anche: Pensioni, quale importo devi avere per essere sicuro di vivere dignitosamente

A subire i rincari maggiori saranno il gas natuale, che dovrebbe arrivare a circa 1,55 euro al metro cubo, con un incremento di oltre il 61%, e l’energia elettrica, che aumenterà a 43,8 chilowattora, segnando un incremento del 48%. Le stime arrivano da Nosima Energia a ridosso delle festività, quasi per preparare i consumatori all’inevitabile eventualità di dover risparmiare. Questi incrementi porteranno con se conseguenze gravi per le famiglie italiane. Secondo Ipsos il 19% delle famiglie italiane subirà in maniera pesante gli aumenti, tanto da non riuscire a sostenere le spese di luce e gas. Questo pone queste famiglie in una condizione di povertà mai registrata prima, visto che con questi aumenti non risciranno a soddisfare quelli che ormai sono bisogni imprescindibili.

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza 2022, puoi chiedere all’INPS il bonus mensile di 780 euro

L’intervento del Governo in questo senso è stato pronto, ma purtroppo non sarà al 100% efficace. I tagli sull’IVA al 5% sulle bollette e sulle accise dell’energia, così come la possibilità di rateizzare il pagamento delle bollette potranno soltanto rendere meno doloroso l’impatto degli aumenti stellari dei prezzi, senza risolvere veramente la situazione. Il problema è che nessun intervento statale può veramente mettere un freno alla tempesta di aumenti che sta per investire l’Europa, quindi il piano è reggere l’urto con tutto ciò che si ha a disposizione e passare che passi la tempesta, visto che i rincari, almeno così dicono le stime, non si annulleranno in tempi brevi e probabilmente dureranno per tutto l’anno 2022.