Bollette luce e gas, nuova stangata per le famiglie: dal 1 luglio in arrivo aumenti

Aumenti in arrivo in bolletta per i consumatori a partire dal 1 luglio 2021. Si stima un incremento del 12% per energia e 21% per gas.

Non è arrivata ancora conferma da parte di Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, che si occupa proprio della regolamentazione e del controllo del settore della luce, del gas e dei rifiuti a tutela dei consumatori. Sta di fatto che si ipotizza un aumento in bolletta, con un rincaro dei prezzi e una nuova stangata per le famiglie, a partire dal primo luglio. Infatti, la Nomisma Energia – società che si occupa di consulenza e ricerca sui mercati delle fonti di energia e dell’ambiente – ha lanciato l’allarme: l’impennata dei prezzi dell’energia in tutta Europa avrà conseguenze anche in Italia, traducendosi in un aumento dei prezzi del gas e della luce in bolletta.

Leggi anche: Moneta da 50 centesimi, occhio al valore: fino a 90.000 euro!

Secondo le stime confermate anche dal presidente di Nomisma Energia Davide Tabarelli, si avrà un incremento del 12% per l’energia elettrica e di oltre il 21% per il gas. Cifre record che vedono il tasso di inflazione in forte accelerazione nei prossimi mesi. Per una famiglia tipo, con un consumo di energia di 2.700 chilowattora e una tariffa media di 23,3 centesimi per Kwh, la stangata potrebbe essere di 66 euro in più calcolati su base annua. Le cifre aumentano – secondo TgCom – nel caso in cui in una casa media si consumino 1.400 metri cubi di gas all’anno: si potrebbe arrivare ad un aumento di 218.00 euro in più su base annua partendo da una tariffa di 89 centesimi a metro cubo.

Leggi anche: Monete rare, occhio alle 10 lire che valgono una fortuna

La spesa complessiva per le famiglie potrebbe aumentare di 284,50 euro in più. Diversi i fattori da cui dipende l’aumento: dall’incremento delle tariffe per i consumatori; all’aumento durante i mesi estivi; dalla scarsità dell’offerta; alla ripresa dei consumi. Il trend di politiche ambientali più restrittive rispetto al passato ha inoltre avuto impatto sull’aumento dei prezzi in generale, che ha toccato anche benzina e petrolio.