Champions League 2020-2021, il montepremi è aumentato: chi vince sbanca davvero

Il calcio a livello professionistico ha costi altissimi, questo è certo. Tuttavia quest’anno la Uefa si è superata mettendo in piedi il torneo della Champions League con il premio in denaro più alto di sempre.

soldi della champions league

L’attesa per l’inizio della Uefa Champions League. Il 14 o 15 settembre partono le partite e le quattro squadre italiane che parteciperanno potranno dimostrare il loro valore. Oltre che per la gloria però le squadre che partecipano al prestigioso torneo giocano anche per accaparrarsi un discreto gruzzolo che la Uefa ha messo in palio per le squadre che parteciperanno al torneo. La Champions League di quest’anno si è già classificata come la più ricca di sempre, con un fondo stanziato per i soli premi alle squadre di 2,02 miliardi di euro, 7 milioni in più dell’anno scorso.

Leggi anche: Contributo a fondo perduto per partite Iva e imprese, oggi 2 settembre è l’ultimo giorno per presentare domanda

La Uefa, complice il preoccupante precedente dell’esperimento Superlega, ha deciso di alzare il montepremi per le squadre che parteciperanno alla Champions League. Basti pensare che per la sola partecipazione al torneo, ogni squadra avrà un gettone di 15,64 milioni di euro, senza contare che le squadre che arriveranno nelle fasi più avanzate saranno ricompensate con ancora più soldi. Nonostante non si possa dire con assoluta certezza quanto guadagnerà ogni squadra a seconda della propria classificazione, è possibile fare delle stime conoscendo come la Uefa ripartisce i suoi premi. Il gettone fisso uguale per ogni squadra rappresenta il 25% del montepremi totale, dopo di ché ci sarà un 30% derivante dai risultati della squadra, un 30% dal ranking storico, e infine un 15% dal market pool.

Leggi anche: Autolavaggio, si diffonde a macchia d’olio il trucco per non pagare

soldi della champions league

Le vincite 

Partendo dalla fase a gironi, ogni squadra avrà 2,8 milioni di euro per ogni vittoria di 930.000 euro per ogni pareggio. Oltre a questo c’è la posizione nell’avanzamento del torneo, per cui una squadra guadagna tanto più avanti riesce ad andare all’interno della competizione:

  • Ottavi di finale: 9,6 milioni di euro;
  • Quarti di finale: 10,6 milioni di euro;
  • Semifinale: 12,5 milioni di euro;
  • Finale: 15,5 milioni di euro.

In più, il vincitore riceverà un bonus di 4,5 milioni di euro. la squadra vincitrice, sommando i vari premi, tornerebbe a casa con 52,7 milioni di euro solo con i premi di avanzamento. Il ranking storico si basa sull’andamento e la partecipazione della squadra negli ultimi 10 anni, per cui a seconda delle partecipazione e rendimenti passati, le 32 squadre si divideranno un tesoretto di 1,137 milioni di euro. Infine ci sono i market pool, ovvero il premio per il piazzamento nell’ultimo campionato. Facendo tutti i calcoli e le approssimazioni del caso, la squadra vincitrice tornerebbe a casa con un premio di 120 milioni di euro, a cui si andranno ad aggiungere gli incassi dei biglietti degli stadi e i premi degli sponsor, per un totale di circa 150 milioni di euro.