Freezer, molto meglio scegliere quelli senza luce

Perché il frigorifero ha una luce interna e il freezer no? La risposta arriva dall’economista Robert Frank.

Già, il freezer non ha la luce interna. Ma perché il freezer non ha la classica lucetta mentre il frigorifero si? La domanda è stata posta da un ex studente al suo professore, l’economista Robert Frank, che ha provato a rispondere, come riportato su Il Corriere della Sera. Secondo Robert Frank, si tratta di un classico esempio del principio costi-benefici. Una questione già affrontata, nel 2009, proprio da Frank, docente di Economia presso la Cornell University di Ithaca, a New York. Una questione che, forse per casualità, oggi è tornata d’attualità su blog e social network. Mettere una luce all’interno di un freezer supera i benefici. Infatti, i consumatori utilizzano spesso la luce del loro frigorifero e i produttori possono così giustificare il costo dell’installazione di quelle luci in modo molto più facile rispetto a quanto richiederebbe giustificare il costo di luci nel freezer.

Leggi anche: Vantaggi e opportunità dei prestiti Inps Inpdap: fino a 120 mesi per la restituzione

Quest’ultimo, non viene aperto con la stessa frequenza del frigorifero. Inoltre, in genere non si resta così tanto tempo a guardare il freezer come si fa invece con il frigo. Inoltre, è possibile che a lungo andare il ghiaccio copra la luce stessa, così da renderla praticamente inutile. Insomma, in altre parole l’assenza di una luce nel freezer è legata non tanto ai costi per l’azienda produttrice quanto ai benefici per i consumatori. Per chi fabbrica l’elettrodomestico, infatti, il costo dell’inserimento di un impianto luminoso all’interno sia del frigo che del freezer sarebbe praticamente identico perché, ha spiegato Robert Frank,  si tratta di un costo fisso, “che non varia con il numero di volte in cui si apre lo sportello”.

Leggi anche: 800 dall’Inps prima della fine del 2021, ultimi mesi per il bonus mamma

“In generale il beneficio di tali funzioni, misurato in base a quanto le persone sono disposte a pagare per esse, tende ad aumentare all’aumentare del reddito. Il principio costi-benefici prevede quindi che consumatori con redditi estremamente elevati potrebbero pensare che una luce nel freezer valga il costo aggiuntivo”, ha concluso Frank. Insomma, nessuno vorrebbe pagare per qualcosa di cui non ha veramente bisogno. Ed ecco perché, ad una spiegazione di tipo pratico, se ne aggiunge un’altra di tipo economico.