Dazn ti ha stancato? Ecco la procedura corretta per chiedere il rimborso

Dopo i disservizi che si sono verificati durante Sampdoria-Napoli e Lazio-Torino, molti stanno pensando di disdire l’abbonamento a Dazn. Ecco come. 

Dazn ha letteralmente sbaragliato la concorrenza , tanto da aggiudicarsi il triennio 2021-2024. L’emittente, da questa stagione, trasmetterà tutte le partite del campionato italiano di calcio, per un totale di 10 partite a giornata, di cui 7 in esclusiva e 3 in co-esclusiva con Sky. Cambiano, chiaramente, i parametri dell’offerta. Dazn permette di connettere fino a 6 dispositivi, anche se la visione in contemporanea è consentita solo su 2 schermi. Dazn trasmetterà tutta la Serie A per i prossimi tre anni. Inoltre, saranno trasmessi l’Europa League; i migliori match della Conference League; la Serie BKT; tutte le partite della Liga; la Copa Libertadores; la Copa Sudamericana; alcuni match di FA Women’s Super League e Division 1 Féminine; canali tematici di Inter e Milan. Inoltre, con Dazn sarà possibile vedere la MotoGP, Moto2 e Motoe; la National Football League americana; la Boxe, le freccette; i canali Eurosport HD1 e HD2.

Leggi anche: No green pass, no stipendio: ecco cosa sta succedendo agli statali

Il servizio può essere utilizzato in streaming su Internet mentre, per guardare i contenuti di Dazn in televisione, è necessario che quest’ultima possieda tutte le funzionalità di una moderna smart TV. In alternativa, è possibile guardare Dazn sul PC, su uno smartphone, su un tablet, su un box Sky Q, su una console utilizzata per i videogiochi. E’ inoltre necessario essere in possesso di una connessione a banda larga per non compromettere la qualità della visione.

Leggi anche: Catasto nel caos, valori irreali e proprietari penalizzati. Cosa accadrà con l’Imu

Primi problemi

Tuttavia, prime problematiche e disservizi si sono verificati durante Sampdoria-Napoli e Lazio-Torino. I tifosi e telespettatori hanno dovuto fare i conti con il black-out della piattaforma streaming che ha reso impossibile accedere ai contenuti per più di mezz’ora. Così DAZN, emittente che detiene i diritti televisivi del massimo campionato italiano, ha promesso un indennizzo attraverso una nota ufficiale concedendo un mese di visione gratis delle partite per tutti i clienti che hanno avuto problemi. Saranno rimborsati tutti coloro i quali hanno perso quasi un tempo delle due partite di Serie A e per questo DAZN è al lavoro per individuare in toto, solo tutti coloro i quali sono stati penalizzati dal problema tecnico. Gli utenti impattati e dunque destinati a ricevere un mese gratis, riceveranno nel corso dei prossimi giorni, direttamente da DAZN, una comunicazione via e-mail a conferma dell’offerta di un mese gratuito. Nella stessa compare un link che garantisce l’accesso alla pagina che sblocca il rimborso.

Come disdire

Eppure, numerosi utenti sono sempre meno soddisfatti dal servizio offerto che intanto potrebbe passare la palla e tornare nelle vecchie mani di Sky. La richiesta di recesso dall’abbonamento al Servizio DAZN potrà essere formulata in qualsiasi momento antecedente alla scadenza dello stesso, ma l’accesso al Servizio sarà consentito fino al termine del periodo previsto contrattualmente. In caso di recesso i canoni di abbonamento già pagati non verranno rimborsati. Se invece vuoi aprire una richiesta di rimborso, bisogna contattare l’Assistenza Clienti di Dazn ma il rimborso sarà possibile solo se stai pagando direttamente Dazn e non tramite Amazon in-App, Google, Apple e Codici Voucher.

Leggi anche: Venti minuti per svuotare un conto corrente, ecco come fanno 

L’utente può inoltre disdire il contratto senza fornire motivazioni entro quattordici giorni a partire dal giorno di sottoscrizione del contratto. Per esercitare il diritto di ripensamento, è possibile compilare online la richiesta. In caso di esercizio del Diritto di Ripensamento, l’utente riceverà il rimborso dei pagamenti con effetto immediato, e in ogni caso entro quattordici giorni dal ricevimento del relativo avviso. Salvo accordo contrario, per il rimborso si utilizzerà lo stesso metodo di pagamento utilizzato per l’operazione originaria; in nessun caso verranno applicate penali di rimborso.