Come risparmiare sul costo delle bollette della luce

Se vuoi qualche dritta su come risparmiare sui costi delle bollette della luce, sei nel posto giusto. Poche e semplici mosse da mettere in pratica nella vita quotidiana possono fare al caso tuo.

No, non esiste la bacchetta magica e neanche una formula che possa far sparire i costi delle bollette. Tuttavia, se sei qui è perché sei alla ricerca di qualche soluzione che possa riuscire ad aiutarti ad abbassare le tariffe delle bollette della luce e del gas. Del resto, cercare di risparmiare energia elettrica e gas è il sogno di tutte le famiglie italiane. Mettendo in pratica tanti piccoli consigli e modificando qualche abitudine della nostra vita quotidiana si può ottenere un risparmio notevole. Partiamo dall’energia elettrica.

Leggi anche: Nicolò Zaniolo, quanto guadagna il giocatore della Roma

Secondo alcuni studi, circa il 12% dell’energia elettrica consumata da una famiglia deriva dall’impianto di illuminazione. Per prima cosa, puoi iniziare a gestire al meglio l’illuminazione in casa. Evitare il superfluo può aiutare inutili spese: ad esempio, una lampadina lasciata accesa in una stanza dove non c’è nessuno, è uno spreco che va eliminato.  Per questo, puoi ricorrere a timer a spegnimento automatico. Ricordati inoltre di spegnere totalmente radio, tv e altri apparecchi che non vengono utilizzati. Potrai così risparmiare fino al 10% sulla bolletta della luce ed evitare rischi di apparecchi elettronici sempre connessi alla corrente, come uno sbalzo di tensione. Puoi sfruttare, per questo, la funzione stand-by delle apparecchiature elettroniche!

Leggi anche:  Seconde case, entro quando si pagano Imu e Tari ( e chi è esente)

Efficienza energetica 

Un ottimo modo per risparmiare sull’energia è quello di migliorare l’efficienza energetica, sia degli impianti e degli elettrodomestici che dell’edificio stesso. Come? Puoi ad esempio utilizzare lampade LED a risparmio energetico in ogni stanza della casa; sostituire gli elettrodomestici più vecchi di 10 anni; acquistare elettrodomestici almeno di classe energetica A. Fai attenzione all’etichetta energetica per valutare l’energia che consuma un elettrodomestico: la trovi su lavatrici, lavastoviglie, asciugatrici, lampade domestiche, forni elettrici e condizionatori nel 2003. Chiaramente, gli elettrodomestici di classe A++, hanno consumi più bassi rispetto ad un altro a parità di altre caratteristiche tecniche ma anche un costo più elevato. La spesa iniziale per l’acquisto di un elettrodomestico più efficiente, tuttavia, sarà compensata nel tempo.

Leggi anche: Fortnite regala un paio di sneakers Puma, ecco come ottenerle

Altri consigli

Altri consigli riguardano l’acquisto di caldaie ad alta efficienza o pompe di calore; l’installazione delle valvole termostatiche che consentono di regolare la temperatura in ogni stanza; la sostituzione dei vecchi infissi con dei moderni infissi a taglio termico più isolanti; il miglioramento dell’isolamento termico delle mura esterne e del tetto dell’edificio.  Inoltre, conviene utilizzare lampadine fluorescenti o le moderne lampade a LED.

Cambio di fornitore? 

Un altro modo per abbassare le bollette della luce è valutare la possibilità di cambiare fornitore.  Il mercato libero dell’energia elettrica ha aperto la strada alla concorrenza e non è difficile trovare offerte adatte a ciascuna famiglia. Una tariffa bi-oraria, in alcuni casi, permette già di risparmiare energia elettrica nel caso in cui parte dei consumi di una famiglia avviene durante le ore serali, notturne e nei giorni festivi. Inoltre, un ulteriore e utilissimo consiglio è quello di fare attenzione alle fasce orarie di consumo. Durante le ore serali in fascia F3 si ha un prezzo dell’energia più basso. Conviene quindi orientare i nostri consumi nelle fasce meno care, la sera oppure la mattina presto.

No agli sprechi!

In generale, gli accorgimenti riguardano la nostra vita quotidiana e le nostre abitudini. Ricordati di spegnere le luci nelle stanze vuote; usare la modalità deumidificazione del condizionatore; regolare lo scaldabagno a 40° C in estate e 60°C in inverno; impostare la temperatura della lavatrice a 30° con la funzione eco; effettuare i lavaggi di panni e di stoviglie a pieno carico; chiudere bene il frigo; staccare dalla presa i caricabatteria dei telefoni e dei tablet quando non sono collegati.

Solo così, ti accorgerai che ridurre la spesa di energia elettrica e gas è possibile. Non soltanto limiterai i costi delle bollette ma penserai e agirai in chiave sostenibile. Buone abitudini di consumo possono diventare risparmio e ridurre il consumo a livello globale, contribuendo a diffondere un modello più sostenibile.

Latest articles

Related articles