Hai ricevuto il Green Pass su WhassApp? Fai attenzione, può costarti una montagna di soldi. Ed è falso

Subito dopo la notizia dell’obbligatorietà del Green Pass, hanno iniziato a circolare sul web moltissime truffe. Occhio a non cadere nella trappola!

Il Green Pass è ormai obbligatorio anche in Italia. La buona notizia, è che nonostante l’aumento dei contagi, i livelli di ospedalizzazioni e di ricoveri non sono così alti da far pensare al peggio. La cattiva, è che i contagi continuano ad aumentare. Proprio per prevenire il rischio di una quarta ondata e per permettere agli eventi di proseguire in una condizione di semi-normalità, il governo ha seguito la scia della Francia rendendo obbligatorio il Green Pass.

Leggi anche: Offerte di lavoro per 1,2 milioni di persone entro ottobre grazie ai soldi dell’Europa

Da quando il governo ha annunciato l’obbligo del Green Pass per accedere ad alcune tipologie di servizi, tuttavia, hanno iniziato a diffondersi sul web le prime truffe. Attraverso il canale Telegram, si vendono addirittura certificati vaccinali falsi. Come funziona? Si offre un certificato di avvenuta vaccinazione dietro compenso, senza aver davvero ricevuto il vaccino contro il coronavirus. Quel documento falsificato non viene mai fornito, ma i soldi vengono ricevuti, dopo essere stati richiesti attraverso sistemi che non consentono di rintracciare i destinatari del pagamento. Una volta ricevuto il denaro, i gestori dei gruppi interrompono qualsiasi tipo di comunicazione e non inviano quanto promesso.

Leggi anche: Bonus sicurezza, ecco come ottenere le detrazione per proteggere la casa

Truffe online 

L’ultima truffa sul Green Pass segue le modalità delle tradizionali truffe attraverso il pushing. Si invia un messaggio che invita a cliccare su un link; successivamente, si richiede di inserire i propri dati per sbloccare una funzione. “In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass COVID-19 che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina”, è il testo del messaggio che sta girando in queste ore su Whatsapp e che invita a scaricare il Green Pass obbligatorio dal 6 agosto per avere accesso a vari servizi in Italia. Attenzione, però, perché una volta cliccato sul link, l’utente accede a una finta pagina istituzionale dove viene chiesto di inserire i propri dati personali e bancari. Una volta inseriti i dati, il truffatore avrà automaticamente accesso ai tuoi dati e alle tue carte di credito!

Leggi anche: Fra pochi giorni i soldi che potranno davvero cambiare l’Italia: 25 miliardi di euro dall’Europa, ed è solo la prima tranche

La polizia postale raccomanda dunque di seguire soltanto quelle che sono i metodi ufficiali indicati dal Governo per scaricare il Green Pass e cioè tramite il sito www.dgc.gov.it , l’App IO o Immuni. Chi ha diritto al Green Pass, riceverà un SMS in cui si riporta un “AUTHCODE” da inserire insieme al numero di Tessera sanitaria. Qualsiasi messaggio considerato sospetto può essere segnalato sul portale della polizia postale www.commissariatodips.it.