Bollette e benzina, il calcolo è già fatto: se sei un automobilista a fine anno avrai 144 euro in meno, e alle famiglie andrà peggio

Arriva una bella batosta per gli italiani e riguarda l’aumento del costo della benzina e anche quello delle bollette di luce e gas. 

aumento benzina e bollette

Brutte sorprese per i contribuenti italiani. Infatti, c’è stato un forte aumento del prezzo della benzina e delle bollette di gas e luce. Si parla di un aumento del + 9,9% per la luce e di un aumento del +15,3% per il gas. Il costo della benzina invece, nel secondo trimestre di questo anno, è arrivato oltre i 50 euro/tCO2. Secondo le stime, il prezzo della benzina, in termini annuali, potrebbe costare addirittura 144 euro a ciascun automobilista. Da aggiungere a questa cifra, ci sono tutti gli aumenti indiretti, dovuti ad esempio al consumo delle gomme ( stimato a circa 107,28 euro). L’Arera, l’autorità per Energia Reti e Ambienti che supervisiona il mercato energetico, ha spiegato che, dietro l’aumento dei costi, c’è un aumento del prezzo delle materie prime, che si stima essere addirittura del 30%

Leggi anche: Quanto guadagna davvero chi smette di fumare

L’aumento del costo della benzina potrebbe influire negativamente sulle vacanze estive e dunque riflettersi anche sul settore del turismo, già in difficoltà dopo la crisi innescata dal Coronavirus. Si tratta di un andamento preoccupante, che potrebbe estendere il fenomeno della povertà energetica, di cui fanno parte già l’8% degli italiani. Proprio per questo, si richiede al Governo d’intervenire, con un nuovo decreto o una riforma dell’intera tassazione di bollette e carburante.

Leggi anche: Vacanze in barca, quanto costa noleggiare uno skipper!

Le misure attuali per la riduzione delle bollette

Intanto, sono in vigore alcune misure per la riduzione delle bollette. Infatti, dal mese di luglio, è attivo il bonus sociale che prevede uno sconto automatico sulle bollette per i nuclei famigliari con Isee non superiore a 8.265 euro. Inoltre, l’Arera ha disposto la riduzione della spesa riguardo le utenze elettriche, purché fossero in bassa tensione, diverse dagli usi domestici e limitate ad alcuni ambiti, come ad esempio la gestione o il trasporto del contatore, per sostenere anche le piccole imprese. Basterà?!