Sconto sull’affitto, lo Stato ti restituisce il 50 %. Domande entro il 6 settembre

Per il bonus sull’affitto si può già inoltrare la domanda. L’incentivo durerà fino al 6 settembre 2021 e interessa i locatori che hanno ridotto il canone di affitto.  

bonus affitto

Moltissimi proprietari di case hanno ridotto o ridurranno ancora l’importo del canone di locazione. In concreto, si tratta di un’ottima occasione per venire incontro agli inquilini che si sono trovati in difficoltà con il pagamento, durante questo ultimo anno di pandemia. Ora infatti è possibile richiedere un contributo per l’affitto, Ernesto Maria Ruffini, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, ha già confermato tutto e la documentazione è già disponibile. Si potrà fare domanda per il bonus fino al 6 settembre 2021.

Leggi anche: Bonus straordinario INPS da 800 euro, per chiederlo hai tempo fino al 31 ottobre

All’interno della domanda è necessario inserire il codice fiscale del locatore che nell’ultimo periodo ha ridotto il proprio canone. E’ necessario anche indicare un Iban, i dati del contratto che sarà rinegoziato, la data d’inizio e di fine del nuovo canone a prezzo scontato. Il contributo che l’Agenzia delle Entrate è disposta a riconoscere è uguale al 50% dell’ammontare complessivo della cifra sottratta attraverso la rinegoziazione del canone. Ogni proprietario potrà presentare una sola domanda, e affinché venga coperto dall’incentivo l’affitto dovrà essere al massimo di 1.200 euro.

Leggi anche: Conti Deposito in sostituzione del conto corrente: un buon metodo per guadagnare facilmente 400 euro l’anno

I requisiti per ottenere l’incentivo sull’affitto

Il bonus affitto 2021 è destinato solamente ai locatori che hanno accordato (o hanno intenzione di farlo molto presto) una riduzione dell’affitto nel periodo compreso tra il 25 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021. Per poter accedere allo sconto sull’affitto i proprietari devono avere altri tipi di requisiti. Ci vuole innanzi tutto un contratto di affitto che sia stato stipulato almeno dal 29 ottobre 2020. Inoltre, la locazione in affitto deve essere in un territorio con alto afflusso abitativo e l’immobile deve essere l’abitazione principale dell’inquilino in affitto. Per quanto riguarda il tipo di contratto tra proprietario e inquilino non c’è alcuni tipo di limitazione, vanno bene sia contratti a regime ordinario oppure con cedolare secca.